Il ciliegio tra fisiologia e gestione: continua il corso di Mundoagro sullo sviluppo della cerasicoltura

17 giu 2024
114

Il corso "Gestione e fisiologia del ciliegio", promosso da Mundoagro Capacita, insieme a MBL, Kimitec, Koopert, Corteva e UPL, in qualità di sponsor, è iniziato con un focus sulla fisiologia e la gestione del ciliegio, ma con un'attenzione particolare ai fattori ambientali.

Con la partecipazione di oltre 500 studenti e guidata dal professor Walter Masman, consulente tecnico specializzato in ciliegi e drupacee, la prima lezione ha spiegato come negli ultimi tempi si siano aperte nuove aree di coltivazione e, in questo senso, come fattori come il clima influenzino questo sviluppo e permettano addirittura di esplorare altri luoghi per la coltivazione.

A livello mondiale e dal punto di vista della produzione di ciliegie, il nostro Paese contribuisce al 53% delle esportazioni mondiali, risultando il principale esportatore a livello mondiale e a livello sudamericano rappresenta il 99%.

Per quanto riguarda le esportazioni, la scorsa stagione hanno raggiunto 82.795.800 casse, un dato molto simile a quello della scorsa stagione (solo -0,3% in meno). Tuttavia, si registra un calo sostanziale rispetto alle previsioni (circa 105 milioni di casse), che non sono state raggiunte soprattutto a causa di fattori climatici.

Oggi si stima che ci siano 61.559 ettari di ciliegi, dove le principali regioni produttrici sono Maule, seguita da O'Higgins e poi, su scala minore, la Metropolitana. "Tenendo conto della vendita di portainnesto, da parte del principale produttore a livello nazionale, potremmo dire che superiamo i 75.000 ettari, senza considerare quello che abbiamo avuto dal 2016 in poi.

Se confrontiamo questo numero con quello che è stato raggiunto in termini di produzione, inizia ad esserci una logica dal punto di vista numerico e, in termini di volume, può essere che raggiungeremo il picco nel 2024/25, raggiungendo un plateau di produzione", ha detto Masman.

In termini di zone agroclimatiche, il consigliere ha sottolineato che, ad esempio, nella regione di Coquimbo "hanno avuto un'annata positiva, innanzitutto dal punto di vista dell'acqua, che è estremamente importante e ci ha permesso di prevedere una buona stagione, ma anche di avere ore di freddo per questa zona". Queste aree hanno un accumulo di freddo molto basso, settori montani con bassa umidità relativa, acqua limitante, una nicchia per le varietà precoci e un buon accumulo termico.

Un'altra area importante all'orizzonte è la regione di Valparaíso, aggiungendo che si tratta di un territorio appena esplorato e posizionato per l'uva da tavola, l'avocado e gli agrumi. "C'è una buona relazione tra avocado e agrumi, con i requisiti di cui hanno bisogno i ciliegi".

"Curiosamente, oggi in quest'area ci sono condizioni molto rilevanti nelle valli dal punto di vista dell'accumulo termico, che permette una maturazione precoce, accumulo di freddo medio-basso, zone di montagna estreme, buon accumulo termico, per il posizionamento di una nicchia precoce, come nella quarta regione", ha detto Masman.

Un altro argomento discusso è stato il motivo per cui i ciliegi hanno bisogno del freddo, che secondo Masman è uno degli aspetti più importanti per il loro sviluppo. "L'anno scorso abbiamo avuto un accumulo di freddo inferiore del 30% rispetto agli ultimi nove anni. È stato un anno disastroso in termini di freddo, ecco perché abbiamo visto i risultati che abbiamo ottenuto. Quest'anno è stato considerato il più freddo degli ultimi periodi, quindi dobbiamo vedere come lo affronteremo".

Il portainnesto

Un'altra questione importante secondo Masman, poco affrontata nel settore del ciliegio, è quella dei portinnesti. Il consulente ha indicato che i motivi per cui vengono utilizzati sono "l'uniformità, la precocità produttiva, l'adattabilità all'ambiente, la resistenza o la tolleranza agli agenti biotici (parassiti e malattie), nonché il tipo di terreno e le esigenze idriche, soprattutto in considerazione della carenza idrica".

Per quanto riguarda il raggiungimento dell'uniformità, secondo Masman, la moltiplicazione delle piante attraverso i semi porta con sé un'inevitabile variazione genetica, quindi le caratteristiche desiderabili di una determinata varietà devono essere preservate, garantendo un impianto uniforme, in cui gli individui sono geneticamente uguali tra loro e al loro genitore.

Il portainnesto influenza la cultivar in una grande percentuale del suo sviluppo e delle sue caratteristiche (75-90%), mentre la cultivar influenza il portainnesto solo in una bassa percentuale (10-25%), influenzando soprattutto la sensibilità alle malattie (virus), l'asfissia radicale, la clorosi e un'influenza molto ridotta sullo sviluppo delle radici.

Tra le ragioni dell'utilizzo dei portainnesti, le caratteristiche da preservare non sono solo nella cultivar commerciale, ma anche nel portainnesto che permette a quella cultivar commerciale di svilupparsi con successo, per cui sono necessarie una buona affinità e compatibilità. L'affinità implica la possibilità di saldare due parti, mentre la compatibilità riguarda la capacità di mantenere nel tempo questa unione in modo soddisfacente per l'insieme.

La scelta del portinnesto condizionerà la durata del frutteto, il tipo di formazione e l'incidenza degli interventi di potatura e raccolta, che a loro volta influenzeranno il costo per chilogrammo di frutta prodotta, per cui è fondamentale conoscere l'affinità tra il portinnesto e la varietà.

Soluzioni naturali per la produzione

Al corso ha partecipato anche MBL, dove Tania Hernández e Consuelo Solis hanno presentato il "Programma per il calibro e la qualità delle ciliegie, sostenibile e privo di residui". MBL è un'azienda cilena con più di dieci anni di attività, che sviluppa e commercializza input agricoli ecologici per il mercato ortofrutticolo a livello nazionale e internazionale. Le sue soluzioni includono quelle incentrate sull'industria delle ciliegie.

"Come dipartimento tecnico dell'MBL, disponiamo di un ampio supporto di prove di laboratorio e di campo nelle principali aree di produzione del Paese e nelle varietà più importanti. Su questa base, ci concentriamo su come portare la produzione al livello successivo, dando priorità all'uso di prodotti a base vegetale in un mercato che è davvero difficile", ha detto Tania Hernández.

La seconda sessione ha visto invece la partecipazione di Gustavo Noriega Kamisato, Product Manager di Kimitec, che ha parlato di "Bioinnovazione al servizio del ciliegio". Kimitec è un'azienda spagnola che offre soluzioni per la transizione dal chimico al naturale, mantenendo efficienza e redditività. Anche per questo ha creato il MAAVi Innovation Center, il più grande polo di innovazione biotecnologica applicata al naturale in Europa.

In questo senso, Noriega aggiunge che lavorano con LINNA, "la nostra piattaforma di intelligenza artificiale, dove miglioriamo la nostra conoscenza dei composti naturali e dei modelli comportamentali dopo oltre quindici anni di decodifica della natura".

"Data l'elevata domanda di produzione di ciliegi in tutto il mondo, disponiamo di un portafoglio di nostre soluzioni per raggiungere gli obiettivi fissati dal settore, dalla resa, al calibro, alla condizione, ai micronutrienti, all'equilibrio nutrizionale, alla biostimolazione, alla fisiologia dello stress, al radicamento, all'assorbimento di acqua e nutrienti e al mantenimento del terreno", ha aggiunto il rappresentante di Kimitec.

La prossima lezione si terrà martedì 11 giugno alle 19:00 in Cile e alle 18:00 in Perù e sarà incentrata su "Cause e fisiologia dello sviluppo dei punteggi", con la partecipazione di Corteva.

Fonte: Mundoagro
Immagine: Mundoagro


Cherry Times - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche

Nuove tecniche di disidratazione delle amarene per un prodotto di qualità

Qualità

14 feb 2024

La qualità dei prodotti è stata valutata attraverso l'utilizzo sia di analisi non distruttive attraverso immagini e misurazioni del colore che di analisi sensoriali. Ciò ha consentito di aggregare diverse informazioni per una valutazione completa dei prodotti.

Adattare biostimolazione e biocontrollo per migliorare i programmi nutrizionali delle colture

Difesa

04 lug 2024

"C'è un'offerta così ampia e potente di input biologici che, a mio parere, c'è così tanta informazione che si tende a perdersi un po' - afferma Walter Masman - Li uso in modo complementare a quelli convenzionali. Sono convinto che generi un impatto positivo".

In evidenza

Uno studio mostra come gli afidi vengono influenzati dai cambiamenti climatici

Difesa

17 lug 2024

Uno studio turco prevede che i cambiamenti nei valori delle temperature influenzeranno l'espansione delle aree di distribuzione delle specie invasive, la sopravvivenza durante la stagione invernale, l'aumento del numero di generazioni e la trasmissione di malattie delle piante.

La produzione di ciliegie in British Columbia: un esempio di successo canadese

Produzione

17 lug 2024

Dagli anni Novanta, la crescita dell'industria canadese si è concentrata soprattutto sulla collaborazione con i Paesi stranieri per la stipula di accordi per l'acquisto dei nostri frutti. Le ciliegie canadesi vengono esportate in oltre 20 Paesi, tra cui Giappone e Corea del Sud.

Tag Popolari