L'Università di Washington propone un piano di lavoro per prevenire e combattere la X-disease

28 feb 2024
135

La mitigazione e il controllo della malattia X costano tempo e molto denaro, ma una nuova analisi economica misura come la mancata risposta possa costare ancora di più ai coltivatori.

"Le pratiche di mitigazione hanno un enorme ritorno", ha dichiarato Welcome Sauer, un analista del settore frutticolo in pensione che ora sta lavorando con la Washington State University su un modello economico per la mitigazione della X-disease. La X-disease può essere devastante per i coltivatori, ma egli spera che il modello mostri percorsi redditizi.

Il suo modello mostra anche che investendo in misure per proteggere un frutteto redditizio - rimozione degli alberi infetti, irrorazione delle cavallette e controllo delle erbe infestanti - "è possibile avvicinarsi alla redditività di base, anche se le pratiche di mitigazione sono costose", ha detto Sauer.

L'approccio aiuta i ricercatori a comprendere meglio le realtà economiche che i coltivatori devono affrontare quando si tratta di rispondere alle malattie, ha dichiarato Tobin Northfield, entomologo della WSU che ha lavorato con Sauer al progetto.

Alla fine, la WSU spera di distribuire il modello di Sauer ai coltivatori sotto forma di cartella di lavoro, in modo che possano regolare i numeri di base per i costi operativi del frutteto, i prezzi delle ciliegie o i tassi di infezione, ad esempio, per eseguire calcoli che riflettano al meglio le loro aziende.

Sarebbe simile ai fogli di calcolo del bilancio aziendale che Karina Gallardo, economista del WSU, costruisce per il settore, ha detto Sauer, aggiungendo che quei bilanci hanno fornito la base per il suo lavoro.

Il modello copre sette scenari di trattamento e decine di variabili di input su orizzonti temporali fino a 60 anni. Sauer lo ha definito "il modello più sofisticato" della sua carriera, con circa 340.000 calcoli. Anche se ci vorrà del tempo prima che il modello diventi uno strumento di facile utilizzo, Sauer e Northfield hanno illustrato a Good Fruit Grower i messaggi da trarre da alcuni scenari di infezione di base.

Lo scenario ideale: non contrarre mai la malattia

"Se dovessi piantare un ceraseto oggi, la mia prima azione sarebbe quella di difendere i miei confini con una rete di protezione", ha detto Sauer. Può sembrare un investimento estremo, ma nelle aree con pressione della malattia, il costo iniziale per la prevenzione si ripagherà nel corso della vita di un frutteto sano. "Ho intenzione di trappolare costantemente, e voglio essere un ospite molto ostile per questi vettori. Non voglio che vivano tra le mie erbacce".

Ma le infezioni si verificano. All'impianto è un disastro economico, ha detto Sauer. Ma un caso più tipico è la pressione continua dei vettori.

Per un coltivatore che raccoglie nella quarta settimana di mercato e che ha una diffusione della malattia dell'1% all'anno, investire 600 dollari per acro nel controllo dei vettori aggiunge circa nove anni alla redditività del frutteto, ha detto Sauer, rispetto allo scenario di inattività, che mostra un crollo della redditività in circa 12 anni.

Se il coltivatore rimuove in modo aggressivo gli alberi infetti e li ripianta, riducendo le fonti di malattia e mantenendo un numero maggiore di alberi sani nel blocco, il blocco dovrebbe stabilizzarsi ed essere redditizio, anche se i margini sarebbero inferiori rispetto a un blocco che non è mai stato infettato.

Naturalmente, il valore di questi interventi dipende dalla durata di vita che i coltivatori si aspettano dal blocco e dal valore dei frutti che produce, ha detto Sauer. Il modello può riflettere questo aspetto, in modo che i coltivatori possano considerare i costi e i benefici relativi alle loro operazioni.

"Il punto è che se vogliamo essere coltivatori di ciliegie redditizi, è necessaria un'agricoltura più intensiva rispetto al passato" continua Sauer.

Il modello tiene conto anche del fatto che la malattia si diffonde in modo invisibile per diversi anni prima che i coltivatori si rendano conto di avere un problema. Dato che la malattia ha questo periodo di latenza, ci sono anni di mancati guadagni mentre si cerca di mitigare il problema". Le perdite finanziarie sono ingenti, anche se stiamo rimuovendo gli alberi e recuperando nel tempo".

E il tributo economico inizia prima di quanto i ricercatori abbiano misurato inizialmente. La malattia X alla fine fa sì che i frutti diventino piccoli, pallidi, di scarso sapore e assolutamente non commercializzabili. Ma nelle prime fasi della malattia, inizia a ridurre le dimensioni dei frutti.

"Ci siamo concentrati sulle ciliegie che non venivano raccolte", ha detto Northfield, "ma prima si perderà molto denaro su quell'albero a causa dei frutti di minor valore".

Questo dovrebbe causare una perdita di resa e un effetto composto sulla perdita di calibro, con conseguente abbassamento dei prezzi, ha detto Sauer. Attualmente, il modello stima che i frutti degli alberi sintomatici sarebbero più piccoli di 12 file e che gli alberi infetti ma asintomatici si ridurrebbero di mezzo calibro. Quando saranno disponibili dati migliori sul tasso di perdita di dimensioni, Sauer potrà perfezionare il modello.

"Si tratta di un modello di simulazione per lavorare nell'ambito dell'intuizione dei coltivatori, prima di ottenere ulteriori dati". Lo stesso vale per i dati che affinano l'impatto delle pratiche di mitigazione. Il settore non dispone ancora di informazioni sufficienti, ma il modello mira a colmare il divario con le stime, afferma Sauer.

"Penso che aiuterà i coltivatori e i ricercatori a comprendere gli aspetti economici e le sfide", ha dichiarato Garrett Bishop della G.S. Long Co. che ha esaminato il modello. "La cosa più importante per me è che il numero di alberi infetti all'inizio fa una grande differenza".

Fonte: Good Fruit Grower
Immagini: Good Fruit Grower


Cherry Times - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche

Nuove scoperte per il controllo di Drosophila suzukii: dal Regno Unito avanza la ricerca

Difesa

07 mar 2024

Secondo il centro di ricerca del NIAB (UK), la ricerca futura dovrebbe concentrarsi sulle strategie di controllo complementari nell'ambito della gestione integrata dei parassiti e sull'automazione del controllo, creando al contempo nuove competenze e tecniche nell'industria.

In Michigan due specie di vespe aiutano gli entomologi nella battaglia contro la Drosophila suzukii

Difesa

11 mar 2024

La vespa samba e la vespa ronin si sono imposte come potenziali parassitoidi. I ricercatori hanno studiato le vespe e cercano l'approvazione del governo per rilasciarle. Le specie sono state trovate in natura in Canada e negli Stati Uniti.

In evidenza

L'evoluzione della produzione di ciliegie negli ultimi 15 anni

Produzione

15 apr 2024

L’offerta mondiale è salita da 1,85 a 2,75 milioni di tonnellate dal 2008 al 2022, con un aumento pari al 50% circa. La geografia dell’offerta mondiale non si è modificata in modo sostanziale negli ultimi 15 anni, anche se si può notare una concentrazione in pochi Paesi.

Ciliegie californiane: lo Stato si riprende dopo le delusioni della stagione 2023

Produzione

12 apr 2024

"Quest'anno abbiamo una tempistica stagionale più tipica" ha detto Mark Calder di Primavera Marketing - "Alcune delle varietà più precoci potrebbero uscire entro il 25 aprile, con un volume costante nella San Joaquin Valley meridionale entro il 5 maggio".

Tag Popolari