Coperture multifunzionali: strumenti fondamentali per la sostenibilità dei ceraseti

01 mag 2023
824

Brunella Morandi - Università di Bologna (IT)
Comitato tecnico-scientifico di Cherry Times

L'adozione di coperture multifunzionali nei sistemi di frutteti è in forte aumento grazie alla loro funzione protettiva contro i fattori di stress biotici e abiotici.

Nel ciliegio dolce, le reti e le coperture in plastica sono comunemente utilizzate contro la grandine, il vento e, soprattutto, la pioggia come uno degli strumenti più efficaci per prevenire le spaccature dei frutti. A seconda delle loro diverse caratteristiche (monoblocco o monofila, materiale, colore, livello di ombreggiatura), le reti multifunzionali possono influenzare un'ampia gamma di fattori ambientali, fisiologici e produttivi. 

È noto, infatti, che le reti alterano il microclima del frutteto in termini di temperatura, umidità relativa, velocità del vento e intercettazione della luce da parte della chioma, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo.

Le reti multifunzionali possono essere caratterizzate da diversi livelli di ombreggiamento. Questi livelli variano a seconda del colore del filo, della trama della rete e del materiale e riducono la quantità di radiazione che raggiunge l’albero. 

A seconda del colore del materiale, le coperture possono aumentare la luce diffusa, migliorando così la penetrazione e la distribuzione della luce all'interno della chioma, con potenziali benefici sulla fotosintesi e sulla qualità dei frutti.

Gli effetti sulle temperature sono molto variabili e cambiano a seconda del materiale (reti, teli retinati e film plastici, ecc.). Grazie al loro effetto ombreggiante, le coperture di solito riducono le temperature massime durante il giorno, anche se in alcuni casi è stato segnalato anche un aumento della temperatura minima notturna. 

Questo effetto può rendere le coperture uno strumento potenzialmente efficace per proteggere i frutteti dalle sempre più frequenti gelate tardive che si verificano nel periodo della fioritura. D'altra parte, sotto le coperture plastiche non ombreggianti, le temperature massime possono aumentare significativamente durante il giorno, come conseguenza del tipico effetto serra, mentre diminuiscono durante la notte.

Di solito, quando il livello di ombreggiamento è superiore al 30-40%, le reti possono facilmente influenzare lo stato idrico delle piante. Infatti, le temperature più basse registrate sotto le coperture ombreggianti riducono l'evapotraspirazione degli alberi con conseguenti benefici sull'efficienza dell'uso dell'acqua. 

Questi risultati sono stati riportati in melo, agrumi e albicocco senza conseguenze negative per la qualità e la resa dei frutti. Pertanto, le coperture ombreggianti possono rappresentare un utile strumento per mitigare gli stress abiotici come le ondate di calore, l'aumento del fabbisogno evapotraspirativo e la siccità, oltre alla loro "multifunzione" contro le precipitazioni e i parassiti.

Tra le varie colture, il ciliegio dolce è una delle specie che trae maggiori benefici dall'applicazione di coperture multifunzionali, a causa dei numerosi fattori biotici e abiotici che influenzano la sua produzione, principalmente a causa del "cracking" dei frutti e dei danni da Drosophila suzukii.

Attualmente i ceraseti stanno passando da basse ad alte densità di impianto, con l'adozione sempre più frequente di portinnesti nanizzanti che consentono di ottenere alberi di dimensioni inferiori, chiome più aperte e una maggiore efficienza produttiva. 

D'altro canto, i portainnesti nanizzanti sono più suscettibili agli stress da siccità e alle temperature eccessive, a causa del loro sviluppo radicale più lento e della minore conducibilità idraulica nel punto di innesto. 

Queste premesse suggeriscono come i portinnesti nanizzanti possano beneficiare della riduzione della temperatura derivante dall'impiego delle reti. Recenti risultati dell'Università di Bologna mostrano come gli effetti sulle prestazioni fisiologiche e produttive dell'albero, derivanti dall'uso di reti multifunzionali monofilari, possano cambiare in funzione del vigore del portinnesto. 

Infatti, se applicate a sistemi intensivi su portainnesti nanizzanti, le reti monofilari possono avere effetti positivi grazie a

  1. limitate riduzioni di luce, grazie alla bassa densità della chioma, senza effetti negativi sulla conduttanza stomatica e sugli scambi gassosi fogliari;
  2. possibili miglioramenti dello stato idrico della pianta. 

Al contrario, se applicate a sistemi su portainnesti vigorosi, le reti monofilari possono avere effetti negativi a causa delle alte densità di chioma tipiche di questi sistemi, che comportano

  1. una riduzione della radiazione PAR (radiazionefotosinteticamente attiva) all'interno della chioma, con possibile diminuzione della conduttanza stomatica e quindi dell'assimilazione del carbonio da parte delle foglie;
  2. un aumento del potenziale idrico dei frutti, che può portare a una riduzione della forza dei frutti, con conseguente diminuzione dei tassi di crescita dei frutti e della loro qualità alla raccolta.

In conclusione, le coperture multifunzionali possono avere un'ampia gamma di effetti sul microclima del frutteto e sulle prestazioni fisiologiche, a seconda del loro tipo e delle loro caratteristiche, ma anche delle caratteristiche del frutteto (ad esempio, vigore, densità, varietà, ecc.). 

Nonostante la ricerca sia ancora necessaria per ottimizzare il tipo di copertura in base ai diversi ambienti e alle caratteristiche del frutteto, le reti multifunzionali sono attualmente uno degli strumenti più efficaci e promettenti contro i fattori di stress biotici e abiotici.


Cherry Times - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche

Ciliegie pugliesi, una stagione che sembra avviata sotto una buona stella

Produzione

09 apr 2024

La stagione 2024 delle ciliegie pugliesi sembra promettere bene: si respira un clima di fiducia e positività fra gli operatori in Puglia. Secondo quanto riportato dalla RICA, la Rete d’Informazione Contabile Agraria, la Puglia vale il 30% della produzione cerasicola italiana.

Effetto delle reti multifunzionali sul ceraseto ad alta densità

Coperture

20 giu 2023

Al IX Simposio Internazionale sul Ciliegio di Pechino si è discusso molto di coperture per il ceraseto e del loro impatto su crescita e qualità del frutto. La sintesi di Andrea Giovannini e del gruppo di Ecofisiologia degli Alberi da Frutto del DISTAL - UniBo.

In evidenza

Una ricerca cilena valuta gli effetti dei biostimolanti sulle varietà Santina

Varietà

27 mag 2024

La ricerca ha valutato l'effetto del prodotto Botan Foliar sulla produzione e qualità della frutta in ciliegi varietà Santina innestati su portainnesto Colt. Le applicazioni dei prodotti e le valutazioni sono state effettuate durante la primavera della stagione 2023-24.

Coltivatori e consumatori di ciliegie a Washington continuano a puntare sulla varietà Rainier

Varietà

27 mag 2024

Il prezzo delle Rainier ha mantenuto un valore superiore a 5 dollari per libbra. “È stata l'unica ciliegia su cui abbiamo guadagnato l'anno scorso. È su questa che contiamo ogni anno - ha dichiarato John Griggs Jr. che coltiva circa 200 acri di ciliegie, di cui la metà Rainier.

Tag Popolari