A Ovalle (Cile) il seminario sulle ciliegie precoci per valutare crescita e qualità future

28 mag 2024
137

Ovalle è stata ancora una volta la capitale delle ciliegie precoci. Organizzato da Susttex, il seminario Cerezas Primores ha riunito per il terzo anno consecutivo produttori, aziende, accademici e persone interessate alla coltivazione delle ciliegie nella regione di Coquimbo.

La coltura si è rapidamente affermata come alternativa per una zona molto colpita dalla carenza idrica e ha visto crescere la sua superficie negli ultimi anni, accompagnata dai buoni risultati dei produttori che attualmente esportano le ciliegie più precoci del Paese.  

Ma uno dei problemi che ha attirato l'attenzione dei partecipanti è che dopo le catture di mosca della frutta nella regione durante il raccolto della scorsa stagione e la chiusura del mercato aereo verso la Cina (principale destinazione del frutto ultra-precoce a causa dei buoni rendimenti), questa nuova campagna molto probabilmente dovrà affrontare nuovamente la stessa situazione negativa (a causa dei periodi di quarantena).

Per questo, eccezionalmente, dovranno cercare nuove destinazioni per vendere la ciliegia più precoce del Paese e, ovviamente, con rendimenti inferiori.

Analisi della stagione passata

Secondo le informazioni raccolte nella zona sia da Susttex che dall'INIA, il fondatore del seminario e produttore di ciliegie, Jorge Astudillo, ha dichiarato che la regione di Coquimbo ha attualmente circa 300 ettari di ciliegi, con Brooks come varietà più piantata con 86,5 ettari, seguita da Lapins con 82,7 ettari, Santina con 61,5 ettari e 37,7 ettari di blocchi di prova di varietà in fase di sperimentazione nella regione.

Uno dei temi sollevati dall'agronomo è stato quello di continuare a pensare e lavorare su diverse varietà, in un contesto in cui questo 2024/25 avrà già le prime forti produzioni di nuove varietà piantate nella zona, mentre si continua a imparare le rese e a raccogliere dati da diverse cultivar nella zona soggetta a royalty, così come da varietà aperte.

Ma l'attenzione particolare è rivolta al periodo post-raccolta, che per la zona è più lungo rispetto ad altre aree produttive del Paese, “ed è qui che ci giochiamo la prossima stagione”. A differenza di altri poli produttivi, il raccolto di Ovalle si concentra tra ottobre e novembre, uno o due mesi prima rispetto ai campi a sud.

Varietà di ciliegie della regione di Coquimbo. Fonte: Redagrícola.
VarietàEttari
Brooks86,5
Lapins82,7
Santina61,5
Test Blocks37,7
Nimba/Pacific Red32
Rainier23
Frisco10,6
Glenn Red9
Sweet Aryana8
Sommerset7
Black Pearl5
Cherry Cupid4
Royal Down4

“Quest'anno abbiamo avuto un raccolto diverso perché non avevamo molte foglie, quindi abbiamo forzato la pianta a produrre vegetativamente”, ha commentato Astudillo nel suo intervento, in un processo che in questa zona dura solo 60 giorni, a differenza del resto del Paese, quindi i frutteti sono stati più esigenti e avranno bisogno di cure secondo una stagione complessa.

Per quanto riguarda l'uso della tecnologia, Astudillo ha commentato che è necessario pensare a reti ombreggianti o coperture “come un'assicurazione per l'auto”, comprendendo che “si spera di non usarle mai, ma in anni come l'ultimo, in cui abbiamo avuto un forte irraggiamento, giornate limpide praticamente tutto l'inverno, niente pioggia, temperature elevate, è stata una tempesta perfetta”.

Questo tipo di rete ha permesso, nella stagione precedente, di migliorare le porzioni di freddo in un anno in cui la zona non aveva praticamente le condizioni di temperatura adatte alla produzione di questa drupacea.  “Abbiamo le condizioni per produrre ciliegie, sì, ma ogni zona della regione ha una strategia diversa per produrre ciliegie, Tabalí non è uguale a El Ciénago”, ha aggiunto Astudillo, alludendo ai diversi microclimi di Ovalle.

Jorge Astudillo ha aperto le presentazioni della giornata dedicata alle ciliegie precoci.

Dopo la complessa stagione trascorsa, con un accumulo di freddo quasi nullo e una primavera non molto calda, Astudillo ha sottolineato che “la cosa importante per questa stagione è che non avremo il potenziale produttivo che avevamo prima, dobbiamo valutare molto bene cosa fare con i dardi e le gemme che sono morte"

"Ddobbiamo vedere se lasceremo queste strutture per ottenere i chili che vogliamo, o se inizieremo a rinnovare per recuperare ciò che è stato perso, e per questo i prossimi mesi saranno fondamentali”.

Astudillo ha anche sottolineato che, nonostante le difficoltà e, in molti casi, i minori volumi esportati dai produttori, sono stati registrati ritorni storici per gli agricoltori di Ovalle, con rendimenti vicini ai 23 dollari al chilo, che hanno permesso di chiudere una stagione molto positiva per chi produce ciliegie precoci.

E adesso? Nonostante l'impossibilità di portare i frutti in Cina, Astudillo vede una nota positiva in ciò che riserva quest'anno in termini di clima, poiché sorprendentemente solo nelle prime settimane di maggio si sono già accumulate le porzioni o le ore di freddo che si sono accumulate in tutto il 2023, con 13, 5 porzioni di freddo o 89 ore di freddo, a seconda del modello di misurazione, il che influirebbe su condizioni migliori per la produzione di quest'anno.

Il futuro climatico dell'area

Il dottor Eduardo Fernández, accademico della Pontificia Universidad Católica de Valparaíso, è stato uno dei relatori dell'evento. Fernández, che ha incentrato le sue ricerche sull'impatto dei cambiamenti climatici sull'agricoltura, ha detto al seminario che l'area di Ovallina può ancora essere situata - a medio e lungo termine - in una zona adatta per continuare a lavorare e sfruttare “la plasticità delle nuove cultivar”.

Allo stesso modo, ha sottolineato che l'area si trova in una finestra in cui è possibile avanzare “nello sviluppo di nuove varietà che si adattino alle condizioni che potrebbero esistere in futuro”, aggiungendo che, in base a ciò, è necessario creare “strategie di adattamento a breve, medio e lungo termine”. 

Il Dr. Fernandez ha anche illustrato il progetto a cui sta lavorando, sul miglioramento degli strumenti di previsione che collegano le fasi di dormienza, con l'accumulo di freddo o di calore con un modello dinamico, ottenendo per la realtà cilena una previsione con un margine di errore di 2 giorni per la fioritura dei ciliegi.

Il miracolo del ciliegio cileno

Francisca Barros, consulente di Trio Kimún ed esperta di post-raccolta della frutta, ha preso la parola per parlare di post-raccolta, illustrando le chiavi del lavoro continuo che ha permesso di portare le ciliegie fresche dal Cile alla Cina, letteralmente dall'altra parte del mondo, in un lavoro che può essere descritto come il miracolo della ciliegia cilena.

“Ma perché questa ciliegia continui a essere un miracolo e un prodotto così ricercato, dobbiamo essere costantemente impegnati in un processo di miglioramento continuo”, ha sottolineato l'esperto.

Nella stessa ottica, l'esperta ha illustrato i principali problemi che ha riscontrato insieme ai suoi partner della società di consulenza nei frutteti, nelle linee di lavorazione e nei frutti che arrivano a destinazione, evidenziando (come si può vedere nella foto), alcune irregolarità che devono ancora essere riscontrate, come i frutti che arrivano con rami o foglie.

Dopo che la scorsa stagione Ovalle ha inaugurato la sua prima linea di confezionamento nella regione, Barros ha sottolineato l'importanza dell'omogeneità per il mercato cinese, principale destinazione della frutta della zona, in un processo che non viene eseguito e separato solo nei centri di lavorazione, ma è qualcosa che dovrebbe interessare ogni produttore fin dalla gestione dei propri frutteti per produrre frutta il più possibile omogenea.

Barros sottolinea questo aspetto perché il mercato cinese attribuisce un valore maggiore ai frutti di tonalità simile, mentre punisce con prezzi più bassi le cassette confezionate con frutti di colore diverso.

Lo stesso vale per i materiali di imballaggio: “Posso portare un prodotto eccellente che arriva con frutta soda, di buone dimensioni e dolce, ma se non ho un buon imballaggio che resista al viaggio, arriverò con pallet con problemi, o sacchi con problemi di condensa, il che significherà che il prodotto varrà di meno, nonostante il fatto che il prodotto sia incredibile”.

Ovalle, un segno precoce

Hugo Vidal, direttore commerciale di Teno Fruit, ha descritto come positiva l'esperienza di Teno Fruit come primo confezionatore di ciliegie della regione. L'operazione, che si è rivelata un successo, ha preso una piega inaspettata con l'individuazione della mosca della frutta a Ovalle nell'ultima settimana di ottobre, il che ha fatto sì che pochissima frutta potesse essere esportata in aereo dalla regione alla Cina.

Per questo motivo hanno dovuto rapidamente riorientare i loro sforzi commerciali verso altri mercati, per viaggiare via nave, dimostrando anche che la ciliegia Ovalle aveva le gambe e le buone condizioni post-raccolta per viaggiare via mare verso mercati come la Spagna.

“La Spagna è generalmente un Paese abituato alle ciliegie di colore scuro, e questo è stato il primo anno in cui siamo riusciti a vendere i frutti chiari di Ovalle a prezzi buoni, perché i frutti qui sono così dolci e in buone condizioni che, nonostante siano abituati ai frutti scuri, non hanno avuto problemi a mangiare questi frutti più rossi e non così mogano”, ha sottolineato Vidal. 

La stessa situazione si ripeterà probabilmente quest'anno, ma consentirà ai responsabili commerciali di avere più tempo per spostare in tempo i volumi di frutta della regione, nonostante il fatto che in mercati come quello spagnolo si sia riusciti a vendere un chilo di ciliegia precoce a 12 dollari al chilo, ben lontani dai 23 dollari ottenuti in Cina.

Nella sua presentazione, Vidal ha anche annunciato che quest'anno etichetteranno la frutta della zona come Teno Ovalle, dando un sigillo di differenziazione a questo frutto di prima qualità, scommettendo di rendere visibile il valore della frutta prodotta nella regione.

La coltivazione continua a crescere lentamente

Uno degli esempi di come la coltivazione del ciliegio stia crescendo nella zona è il frutteto della famiglia di Tomás Araya a Ovalle. I coltivatori di uva Pisco, agrumi e avocado hanno gradualmente convertito avocado e vigneti in ciliegi. Non solo per la maggiore redditività, ma anche per l'uso dell'acqua.

Avevano 6 ettari di uva pisca che avevano più di 20 anni, “e non valeva più la pena spendere acqua e fertilizzanti per un vigneto che rendeva poco. Abbiamo iniziato anche perché la redditività del ciliegio non può essere paragonata a nessun'altra coltura della zona, nemmeno a quella dell'avocado, che consuma 12.000 m3 d'acqua, rispetto al ciliegio che ne consuma circa 4.000 o 4.500 m3", spiega Araya.

Questo spazio sarà convertito in 6 nuovi ettari di Rainier, più uno di Glenn Red, oltre ai 9 ettari che già avevano, 6 ettari di Lapins (che quest'anno ha avuto la sua prima forte produzione di 40 tonnellate, anche se è stata un'annata negativa a causa delle condizioni avverse) e 3 ettari di Royal Dawn, che quest'anno ha prodotto 2.000 chili nella sua prima produzione.

La piccola produzione di Royal Dawn, che è riuscita appena a essere spedita per via aerea, ha ottenuto un ricavo di 22 dollari, mentre Lapins ha ottenuto un ricavo di 7,5 dollari, perché non è potuta andare in Cina a causa della mosca della frutta, ma nonostante ciò ritengono che sia stata una stagione positiva a fronte di una stagione molto complessa nella regione.

Perché coltivare la Rainier? “È una scommessa”, sottolinea Araya, e anche per diversificare le varietà che hanno, comprendendo che è una varietà difficile da produrre perché è bicolore e più delicata di altre varietà, ma che ottiene buoni rendimenti nel mercato asiatico.

Fonte: Redagrícola
Immagine: Redagrícola


Cherry Times - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche

Prevenire il deperimento della frutta attraverso la combinazione di diversi approcci

Post-raccolta​

12 mar 2024

Uno studio ha cercato di valutare l'impatto dell'applicazione di MAP e di due lieviti antagonisti sulla durata di conservazione delle ciliegie precoci "Burlat". È stato riscontrato un aumento nel contenuto in solidi solubili ed un migliore processo di intenerimento della polpa.

Alla scoperta dei Weigi®, nuovi portinnesti nanizzanti e semi-nanizzanti per il ciliegio

Portinnesti

05 dic 2023

I risultati delle prove, precisa Stoppel, sono stati molto promettenti, in particolare per quattro cloni (Weigi® 1, Weigi® 2, Weigi® 3 e Weigi® 4) che sono stati registrati, brevettati e licenziati commercialmente.

In evidenza

Uno studio mostra come gli afidi vengono influenzati dai cambiamenti climatici

Difesa

17 lug 2024

Uno studio turco prevede che i cambiamenti nei valori delle temperature influenzeranno l'espansione delle aree di distribuzione delle specie invasive, la sopravvivenza durante la stagione invernale, l'aumento del numero di generazioni e la trasmissione di malattie delle piante.

La produzione di ciliegie in British Columbia: un esempio di successo canadese

Produzione

17 lug 2024

Dagli anni Novanta, la crescita dell'industria canadese si è concentrata soprattutto sulla collaborazione con i Paesi stranieri per la stipula di accordi per l'acquisto dei nostri frutti. Le ciliegie canadesi vengono esportate in oltre 20 Paesi, tra cui Giappone e Corea del Sud.

Tag Popolari