Breeding ciliegio dolce: interessanti sfide all'orizzonte

25 apr 2023
825


Dr José Quero Garcia - INRAE (F)
Comitato tecnico-scientifico di Cherry Times

Il miglioramento genetico del ciliegio dolce è oggi un settore molto attivo, sia presso istituzioni pubbliche che presso aziende private. Negli ultimi decenni è stato rilasciato un gran numero di nuove cultivar, nonostante la superficie coltivata e la produzione di ciliegio dolce a livello mondiale siano significativamente inferiori rispetto ad altre specie frutticole importanti.

L'attuazione di nuovi programmi di breeding è stata alimentata dallo sviluppo di ceraseti moderni e intensivi, che richiedevano varietà adatte ai nuovi sistemi di allevamento, ma anche in grado di soddisfare le esigenze di alta qualità dei consumatori. Ad esempio, il settore dell'esportazione delle ciliegie dolci ha fatto enormi progressi, sia nei Paesi dello stesso emisfero, come frutto di stagione, che tra i Paesi dei due emisferi, come prodotto in controstagione. 

A questo proposito, il caso del Cile è emblematico, poiché in meno di 20 anni è diventato il terzo Paese produttore di ciliegie dolci, dopo la Turchia e gli Stati Uniti, con oltre il 90% della produzione destinata ai lontani mercati asiatici.

Gli obiettivi di selezione dei progetti di breeding saranno ovviamente diversi a seconda della zona di produzione delle ciliegie dolci. Tuttavia, alcuni criteri sono comuni per tutti i costitutori di nuove varietà: la produttività degli alberi, la dimensione e consistenza dei frutti nonché la tolleranza ai principali stress abiotici e biotici. Tuttavia, la diversità nelle tecniche di coltivazione del ciliegio dolce, con l'utilizzo di portinnesti nanizzanti, densità di impianto più elevate e strutture protettive contro la pioggia o gli insetti (come la Drosophila suzukii), ha aumentato notevolmente i costi per i coltivatori.

Pertanto, l'utilizzo di nuove varietà richiedono caratteristiche specifiche per un rapido ritorno dell'investimento. Due delle caratteristiche più critiche sono la precocità e la regolarità della produzione e una delle soluzioni offerte ai coltivatori è stata l'adozione di cultivar autofertili ad alta resa produttiva.

Il secondo aspetto che viene sempre più considerato dai selezionatori è l'adattamento ai cambiamenti climatici. Infatti, il ciliegio dolce è particolarmente vulnerabile al riscaldamento globale ed è urgente creare nuove cultivar con bassi requisiti di freddo per la fioritura, ma con requisiti termici relativamente elevati per il germogliamento primaverile, in modo che la fioritura non avvenga troppo presto, riducendo così il rischio di danni da gelo. 

È inoltre fondamentale sviluppare varietà di ciliegio in grado di sopportare temperature estremamente elevate, poiché queste possono avere conseguenze deleterie durante la stagione di crescita, come la scottatura di frutti e rami, o durante la stagione successiva, come la formazione di fiori anomali e/o di pistilli/frutti doppi. Eventi piovosi estremi e imprevisti durante il raccolto possono portare alla completa spaccatura dei frutti, anche sotto strutture protettive, e per questo motivo la ricerca della tolleranza al cracking dei frutti rimane uno dei principali obiettivi di selezione.

Infine, i tratti legati alla tolleranza o alla resistenza agli stress biotici diventeranno sempre più prioritari a causa della crescente domanda dei consumatori di frutta sana e rispettosa dell'ambiente. Per questo motivo, i programmi di breeding sviluppano approcci innovativi per contrastare malattie come il cancro batterico, il marciume bruno (monilia), la ruggine e la cilindrosporiosi o parassiti come l'afide nero. 

Oltre ai tradizionali attributi qualitativi come il gusto (basato su un buon equilibrio zuccheri/acidi) e la croccantezza, una nuova promettente area di sviluppo per i selezionatori di ciliegie dolci è la ricerca di composti legati alla salute.

Data la necessità di lavorare simultaneamente su una gamma così ampia di caratteristiche, i selezionatori di ciliegie dolci devono ottimizzare le loro procedure operative, poiché il periodo tradizionalmente richiesto tra l'incrocio di due linee parentali e il rilascio di un nuovo ibrido spesso supera i vent'anni. Uno degli approcci più promettenti per accelerare il processo di selezione globale è quello di utilizzare le informazioni contenute in ogni cellula vivente, cioè il DNA. 

In effetti, importanti sforzi di ricerca hanno recentemente permesso di scoprire molte regioni del genoma che controllano i caratteri di interesse per il ciliegio dolce, come il peso e la consistenza dei frutti, le date di fioritura e di maturazione, la tolleranza al cracking dei frutti indotta dalla pioggia e così via. 

I breeder possono utilizzare queste informazioni per pianificare meglio i loro incroci, selezionando i genitori che ospitano gli alleli più favorevoli e selezionando i migliori ibridi allo stadio di semenzale, durante il primo anno di crescita in serra. Queste metodologie sono attualmente utilizzate da diverse istituzioni pubbliche in Europa e Nord America, ma anche i programmi privati stanno mostrando sempre più interesse.

In sintesi, i breeder di ciliegio dovranno affrontare sfide difficili ma stimolanti nei prossimi anni e la cooperazione multilaterale tra loro e con gli scienziati delle università e dei centri di ricerca appare fondamentale.


Riferimenti selezionati:

Quero-García J, Branchereau C, Barreneche T, Dirlewanger E (2022) DNA-informed breeding in sweet cherry: current advances and perspectives. Italus Hortus 29: 14-37.

Quero-García J (2019) Cherry breeding in the world : current analysis and future perspectives. Italus Hortus 26 (1) : 9-20.

Quero-García J, Iezzoni A, Lopez-Ortega G, Peace C, Fouché M, Dirlewanger E, Schuster M (2019) Advances and challenges in cherry breeding. In Lang G. (ed) Achieving sustainable cultivation of temperatue zone tree fruits and berries. Volume 2: Case studies. Burleigh Dodds Series in Agriculture Science, Burleigh Dodds Science Publishing, Cambridge, UK, pp. 55-88.

Quero-García J, Schuster M, Lopez-Ortega G, Charlot G (2017) Sweet Cherry Varieties and Improvement. In Quero-García J, Iezzoni A, Pulawska J and Lang G (eds.) Cherries: Botany, Production and Uses, CABI, pp. 60-94.


Cherry Times - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche

La Turchia annuncia un 2024 promettente, previste oltre 700 mila tonnellate

Produzione

16 apr 2024

La priorità è che la Turchia realizzi una crescita sostenibile, sfruttando il potenziale nelle esportazioni - ha detto Hayrettin Uçak - Il Cile, pur producendo il 10% delle ciliegie mondiali, ne esporta il 30%. La Turchia, d'altra parte, produce il 30% ma ne esporta solo il 10%.

L'università del Michigan rilascia una guida per la lavorazione, la conservazione e l'utilizzo delle ciliegie

Rassegna Stampa

30 ago 2023

L'Università di Stato del Michigan ha rilasciato una guida interamente dedicata alla lavorazione, alla conservazione e all'utilizzo delle ciliegie per permette ad agricoltori e appassionati del frutto di poter lavorare e utilizzare al meglio un frutto delicato come la ciliegia.

In evidenza

Una ricerca cilena valuta gli effetti dei biostimolanti sulle varietà Santina

Varietà

27 mag 2024

La ricerca ha valutato l'effetto del prodotto Botan Foliar sulla produzione e qualità della frutta in ciliegi varietà Santina innestati su portainnesto Colt. Le applicazioni dei prodotti e le valutazioni sono state effettuate durante la primavera della stagione 2023-24.

Coltivatori e consumatori di ciliegie a Washington continuano a puntare sulla varietà Rainier

Varietà

27 mag 2024

Il prezzo delle Rainier ha mantenuto un valore superiore a 5 dollari per libbra. “È stata l'unica ciliegia su cui abbiamo guadagnato l'anno scorso. È su questa che contiamo ogni anno - ha dichiarato John Griggs Jr. che coltiva circa 200 acri di ciliegie, di cui la metà Rainier.

Tag Popolari