Difficoltà e problemi in Spagna per la ciliegia di montagna, Asaja Alicante contro l'organizzazione regionale

09 nov 2023
324

Sono ormai 5 le campagne senza produzione, Asaja chiede al Ministero regionale dell'Agricoltura di fornire aiuti ai coltivatori

Asaja Alicante ha invitato il Ministero Regionale dell'Agricoltura a non dimenticare la ciliegia di montagna di Alicante, che rischia di "scomparire" dopo aver accumulato più di cinque stagioni senza produzione, così come altri problemi specifici del settore nella provincia.

È così che l'organizzazione agricola si è espressa questo lunedì dopo aver appreso i bilanci della Generalitat per il 2024, in cui ha anche lamentato che, dopo più di cento giorni di legislatura, "gli ostacoli burocratici e la pressione fiscale continuano a ostacolare lo sviluppo professionale degli agricoltori e degli allevatori".

Asaja ha criticato il fatto che l'amministrazione regionale "sembra più preoccupata di conformarsi alle richieste imposte da Bruxelles, totalmente estranee alla realtà delle campagne, che di fornire un servizio ai cittadini".

L'associazione ha dichiarato di aspettarsi "un'azione urgente" da parte del nuovo Consell in merito a questa coltura. Il segretario tecnico di Asaja Alicante, Ramón Espinosa, ha avvertito che se non si interviene "in modo energico e completo, con aiuti diretti e una linea di finanziamento 'ad hoc', i danni saranno irrecuperabili".

Il piano per il lungo termine

Dopo l'approvazione di una linea di aiuti da parte del precedente Ministero regionale, al quale era stato chiesto un piano di redditività a lungo termine per salvare il raccolto di ciliegie e un aiuto immediato per rispondere alla "situazione di vulnerabilità" dell'ultimo anno, gli agricoltori, i confezionatori e le cooperative "non hanno ancora ricevuto alcuna risposta dall'amministrazione regionale".

In particolare, per quanto riguarda il piano, ha detto che si chiedono "maggiori garanzie" per la produzione, che si affrontino le sfide della situazione climatica e che si esplorino linee di finanziamento per la riconversione varietale o il cambio di coltura, per quanto possibile, oltre a coperture e assicurazioni più specifiche per favorire la continuità dell'agricoltore.

Il presidente di Asaja Alicante, José Vicente Andreu, sostiene che "molte colture non sono assicurate a causa delle carenze delle assicurazioni agricole". "A questo si aggiunge il fatto che il suo crescente abbandono porterebbe alla diffusione degli incendi, soprattutto nelle zone montane di Alicante", ha aggiunto.

La strategia contro la xylella

Per quanto riguarda il cambiamento della politica di eradicazione della xylella fastiodiosa, basata sulla distruzione e sull'abbattimento massiccio dei mandorli che è stato chiesto ad Aguirre, il presidente di Asaja, José Vicente Andreu, ha sottolineato che "è urgente chiedere un aiuto di compensazione nel resto dell'anno e valutare l'aiuto al reimpianto, poiché il modo in cui è stato pianificato non sta avendo successo", motivo per cui si chiede a Tragsa di farlo "d'ufficio".

Ha inoltre insistito sulla necessità di cambiare la strategia e di applicare una strategia di contenimento che mantenga l'equilibrio tra la riduzione del parassita e la continuità delle colture. "Sono passati sei anni e la realtà è che il rimedio è peggiore della malattia", ha lamentato.

L'organizzazione agricola ritiene che "se il problema delle ciliegie riguardasse anche Castellón o Valencia, sarebbero già state messe in atto misure urgenti". Ha inoltre sottolineato che spera che i problemi specifici del settore agricolo di Alicante trovino una "risposta imminente" nei bilanci stanziati per il 2024.

"Se le cose continuano così, non saremo in grado di portare avanti l'attività agricola e zootecnica, poiché ogni nuova normativa comporta un aumento dei costi di produzione", ha lamentato Asaja, che ha ritenuto che il "quadro burocratico/amministrativo e la crescente pressione fiscale stiano mettendo all'angolo i proprietari delle aziende agricole".

Per questo motivo, hanno chiesto all'assessore all'Agricoltura, José Luis Aguirre, di "rispettare il suo manifesto elettorale, in cui affermava che avrebbe lavorato per snellire le procedure amministrative".

Fonte: Todo Alicante

Foto: Valencia Fruit


Cherry Times - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche

Ciliegie Picota: l'eccellenza spagnola esporta il 40%, i mercati principali Germania e Regno Unito

Gestione

21 giu 2024

Circa il 40% della produzione viene esportata e i mercati principali sono la Germania e il Regno Unito. Le vendite nel Regno Unito hanno raggiunto un picco nel 2011 quando sono stati venduti 10 milioni di cestini (2.500 tonnellate) in una stagione di cinque settimane.

Crollo del raccolto negli USA: i coltivatori a Nord-Est additano il clima e la catena di approvvigionamento

Mercati Produzione Rassegna Stampa

09 gen 2024

Circa il 70% delle ciliegie statunitensi è maturato in un mese, da metà giugno a metà luglio, invece dei soliti tre mesi. Questo ha superato la capacità della catena di approvvigionamento e del mercato, creando un fallimento determinato dalle condizioni meteorologiche.

In evidenza

Uno studio mostra come gli afidi vengono influenzati dai cambiamenti climatici

Difesa

17 lug 2024

Uno studio turco prevede che i cambiamenti nei valori delle temperature influenzeranno l'espansione delle aree di distribuzione delle specie invasive, la sopravvivenza durante la stagione invernale, l'aumento del numero di generazioni e la trasmissione di malattie delle piante.

La produzione di ciliegie in British Columbia: un esempio di successo canadese

Produzione

17 lug 2024

Dagli anni Novanta, la crescita dell'industria canadese si è concentrata soprattutto sulla collaborazione con i Paesi stranieri per la stipula di accordi per l'acquisto dei nostri frutti. Le ciliegie canadesi vengono esportate in oltre 20 Paesi, tra cui Giappone e Corea del Sud.

Tag Popolari