Weigi®, portainnesti nanizzanti e semi-nanizzanti per ciliegio

10 giu 2024
170

Cherry Times offre ai suoi lettori i report sui portinnesti di ciliegio presentati all'International Rootstocks Symposium a Macfrut 2024.

I portinnesti Weigi sono incroci tra GiSelA- e i cloni Weiroot. Proprietario/Licenziatario per i cloni Weigi 1, 2, 3 e 4 è Peter Stoppel, Kressbronn (D). Nel 1965, 18 selezioni di portinnesti Weiroot furono presentate a Weihenstephan (D) dal Prof. Hermann Schimmelpfeng.

Questi cloni furono poi incrociati nel 1989 con alcune selezioni della serie Gisela ottenute dal Prof. Werner Gruppe a Giessen (D). Questo incrocio produsse più di 400 piantine che furono piantate a Weihenstephan nel 1990 e valutate e selezionate per 10 anni insieme a Hermann Schimmelpfeng.

Cinque di questi complessi ibridi di Prunus furono selezionati e messi in prova nella fattoria di Peter Stoppel a Kressbronn am Bodensee (D). Peter Stoppel è, oltre che coltivatore di frutta, un noto allevatore di ciliegie dolci e fragole (Malwina). Peter Stoppel ha selezionato e propagato varietà di ciliegie precoci della linea Prim® e varietà di ciliegie tardive chiamate Final®, entrambe commercializzate sotto il marchio Cerasina®. Queste varietà sono oggi testate e coltivate in tutto il mondo.

Ulteriori prove sono iniziate nel 2004 in 4 diverse località, 4 in Germania (1x Baden, 2x Franken e 1x Thüringen) e 1 località nel sud della Francia (La Tapy). Le varietà scelte erano Regina e Skeena. Dopo alcuni anni di test e alcuni risultati positivi, si è deciso di propagarle in vitro in Italia e iniziare a produrre alberi.

Questo viene fatto in vivai tedeschi e olandesi, il che rende possibile iniziare ulteriori prove nel 2013 in Germania, Italia, Francia, Spagna e Ucraina. Per 7 anni sono stati avviati test anche in Cile con Weigi® 1, Weigi® 2 e Weigi® 3. Negli ultimi 4-5 anni sono stati testati anche Weigi® 2, Weigi® 3 e Weigi® 4 in Canada e USA.

Immagine 1: Sjaak Walraven.

Weigi®1 è raccomandato per i climi dell'Europa centrale, specialmente su suoli freschi e con varietà autofertili. Ha circa il 10% di crescita in più rispetto a Gisela® 5 e circa lo stesso tasso di crescita di Gisela® 6, ma è molto meno sensibile di Gisela® 6 alle alte temperature estive e allo stress idrico, probabilmente a causa del radicamento profondo.

Grazie a queste caratteristiche, si è dimostrato ben adattato anche nelle aree di coltivazione del sud Italia. Inoltre, il sistema radicale di Weigi®1 resiste abbastanza bene alle forti piogge e al ristagno idrico. Per le regioni piovose e le aree di reimpianto questo portinnesto non è raccomandato.

Weigi® 2 nel clima dell'Europa centrale e su suoli leggeri mostra una crescita leggermente superiore rispetto a Gisela® 5. La resa produttiva è simile a quella di Gisela® 5, ma la dimensione del frutto è leggermente più grande. In condizioni di caldo estremo, il frutto degli alberi innestati su Weigi® 2 mostra una compattezza della maturità rispetto a quelli innestati su Gisela® 5.

Ha una ottima compatibilità con le attuali varietà di ciliegio. Inoltre, Weigi®2 tollera meglio le fluttuazioni nella disponibilità di acqua grazie al suo sistema radicale più profondo. Weigi®2 a volte cresce male nei primi due anni, mentre dopo il secondo anno lo sviluppo vegetativo è superiore a Gisela® 5.

Weigi®2, in aree con clima caldo come le aree del sud Europa o del nord del Cile, ha mostrato una crescita simile a quella delle aree temperate. Nel Cile centrale, Weigi®2 è già coltivato su larga scala, così come nel sud della Francia, nel nord Italia e in Spagna, dove ci sono stati buoni risultati in piantagioni intensive fino all'ottavo anno dopo la piantagione.

Weigi®3 e Weigi®4 sono i portinnesti più vigorosi il cui vigore è compreso tra Gisela 6 e Colt. Come Gisela e Weigi®1, anche le formazioni di gemme di Weigi®2 sono molto buone. Entrambi sono raccomandati per suoli meno fertili o suoli con disponibilità di irrigazione limitata, anche per i suoli di reimpianto possono essere una buona alternativa.

Entrambi i portinnesti sono interessanti per sistemi di impianto come lo Spanish Bush, UFO o leader doppi. Se guardiamo alla scelta delle varietà, sembra che le varietà autofertili si comportino molto bene su questi portinnesti. Entrambi i portinnesti hanno un'eccellente compatibilità con tutte le attuali varietà di ciliegio. L'unione di innesto è liscia e generalmente senza polloni radicali.

Nessun effetto negativo osservato sul periodo di fioritura o sulla data di raccolta. Eccellente ancoraggio e stabilità degli alberi. Weigi®3 e Weigi®4 sono raccomandati nell'Europa centro-settentrionale per il reimpianto con accesso limitato all'acqua e nei climi caldi e secchi questi portinnesti valgono la pena di essere piantati su base commerciale.

Scarica il report completo qui

Scarica la presentazione qui

Sjaak Walraven
Boomkwekerij Fleuren, NL
verkoop@fleuren.net


Cherry Times - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche

Sviluppo di nuove varietà di ciliegio dolce presso il Julius Kühn-Institut di Dresda-Pillnitz

Breeding Varietà

30 nov 2023

Sono già state rilasciate sette nuove cultivar: Narana, Swing® PiSue 192, Habunt, Areko, Polka, Aria® PiSue 161 e PiSue 177. Diciannove nuovi promettenti cloni di riproduzione sono attualmente in fase di test multi-sito e circa 100 cloni sono in fase di valutazione II.

Tante varietà disponibili ma nessuna è perfetta

Varietà

07 apr 2023

Da una indagine condotta da Dondini et al (2019) e recentemente aggiornata (Lugli, 2023) risultano attivi nel mondo oltre 50 programmi di miglioramento genetico rivolti alla creazione di nuove varietà e portinnesti del ciliegio.

In evidenza

Sage Fruit annuncia qualità e quantità per la stagione 2024

Produzione

21 giu 2024

Le ciliegie biologiche di Sage Fruit rappresentano circa il 2% del volume totale di ciliegie, ha dichiarato Komstadius. "Attualmente, il volume a livello industriale non sembra essere in crescita, ma con le tendenze del biologico, è ragionevole pensare che crescerà in futuro".

L'azienda Forest Lodge abbandona i combustibili fossili per un approccio 100% elettrico

Gestione

21 giu 2024

L'azienda utilizza una gamma di apparecchiature elettriche, tra cui ventilatori antigelo, pompe per l'irrigazione e veicoli, tutti alimentati da un impianto solare da 23 kW e da una batteria da 105 kWh, oltre che dalla rete elettrica rinnovabile neozelandese ad alta intensità.

Tag Popolari