Neuquén (Argentina): crescita del 50% con record di produzione a 1.600 tonnellate

07 feb 2024
218

I collocamenti esterni di ciliegie a Neuquén in questa stagione sono stati pari a 1.600 tonnellate, una cifra che rappresenta una crescita di circa il 49% rispetto all'anno precedente e un salto del 58% se si considera la media delle esportazioni delle ultime cinque stagioni.

Le buone condizioni climatiche nella regione dell'Alto Valle hanno reso possibile il raggiungimento di questi volumi di esportazione. "È stata un'annata molto buona. Abbiamo avuto un raccolto di alta qualità e questo è stato riconosciuto dal mercato", ha commentato a Más Producción Aníbal Caminiti, direttore della Camera argentina dei produttori integrati di ciliegie (CAPCI).

Neuquén detiene una quota importante nelle esportazioni argentine di ciliegie, concentrando, in media, il 22% del totale dei collocamenti esterni del prodotto. Le vendite di questa stagione genereranno valuta estera per un valore di poco superiore ai 4 milioni di dollari. In provincia, la raccolta delle ciliegie è terminata e anche le esportazioni sono terminate. Due sono le aziende chiave che guidano il commercio estero di questo tipo di prodotto a Neuquén: Vista Alegre e Pincen.

"A livello nazionale, possiamo dire che stiamo per raggiungere le 6.000 tonnellate di ciliegie esportate. Fino a venerdì erano state esportate 5.100 tonnellate", ha osservato Caminiti. Va notato che tutte le esportazioni di Chubut devono ancora essere spedite. Questa offerta esportabile è destinata alle ciliegie tardive che arrivano sui mercati esteri quando i frutti sono molto scarsi.

"Anche le esportazioni tardive sono molto importanti. La ciliegia che viene spedita a marzo arriva sul mercato cinese ad aprile, un momento in cui l'offerta cala notevolmente con la partecipazione della produzione locale sotto vetro. Ma i picchi di volume sono già passati", chiarisce il dirigente del CAPCI.

A questo proposito, vale la pena di ricordare che sui mercati internazionali si verificano due "scossoni" a stagione in cui l'offerta subisce un brusco calo. Il primo di questi si verifica nei mesi di ottobre e novembre, ovvero la prima stagione dell'emisfero meridionale.

Molte delle esportazioni dalla Valle del Río Negro e da Neuquén si affidano a questa "finestra commerciale" per raggiungere alti livelli di redditività. L'altra "botta" si verifica a marzo e aprile, quando arriva l'offerta esportabile tardiva dalla regione meridionale della Patagonia (Chubut e Santa Cruz).

Il Cile, il più grande esportatore mondiale di ciliegie, entra presto nei mercati, raggiungendo alti livelli di redditività; tuttavia, per il momento, non ha i volumi necessari per rifornire il mercato internazionale di ciliegie tardive.

Fonte: Más Producción


Cherry Times - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche

In Giappone il 50% delle ciliegie è venduto per fare regali

Mercati

25 ago 2023

La produzione di ciliegie in Giappone è in aumento grazie alle migliorate condizioni climatiche, mentre le importazioni variano ogni anno in base alle condizioni tariffarie e di mercato. Circa la metà delle ciliegie di produzione locale viene venduta per fare regali.

Un sistema di coperture a tetto e pareti retrattili automatiche per coltivare al riparo dai rischi meteo

Coperture Impianti

17 nov 2023

Non una serra, non classiche coperture antipioggia ma un nuovo sistema di coltivazione: Cravo Equipment LTD ha da pochissimo portato sul mercato l’Automatic Auto-Dry Rain Shelter, ovvero una serra a tetto e pareti retrattili, automatizzate.

In evidenza

Sfide e futuro della ciliegia: dalle varietà al clima, le riflessioni dal Cile sull'industria odierna

Gestione

29 feb 2024

Analizzare tutte le sfide dell'industria delle ciliegie risulta ambizioso. In questo articolo Jean Paul Millan affronta le tematiche cruciali del settore. Dalla sostenibilità al post-raccolta, emerge la necessità di evolversi in un settore in rapida trasformazione.

L'Università di Washington propone un piano di lavoro per prevenire e combattere la X-disease

Rassegna Stampa

28 feb 2024

Welcome Sauer, analista del settore frutticolo che lavora con l'università, spera di distribuire il modello sotto forma di cartella di lavoro, in modo da regolare i numeri di base per i costi operativi del frutteto su un modello economico per la mitigazione della X-disease.

Tag Popolari