Ritratto di un breeder di ciliegie dolci: Gregorio Lopez-Ortega

18 gen 2024
442


José Quero-Garcia - INRAE (FR)
Comitato tecnico-scientifico di Cherry Times

Da quanto tempo sei un breeder di ciliegie dolci? 

Ho fatto un dottorato di ricerca sul ciliegio dolce iniziato nel 2007, ma i miei primi incroci sono stati condotti nel 2009. Ho partecipato al primo programma di selezione presso l'IMIDA, a Murcia, poi sono passato all'azienda privata Atlantic Green nel 2018 e dal 2021 lavoro per HortiFrut. Con tutti questi cambiamenti, direi che il nostro programma ha trovato una buona stabilità e intensificazione dal 2018.

Quali sono gli obiettivi principali del vostro programma? 

Gli obiettivi principali sono la produzione di cultivar a maturazione precoce, a basso fabbisogno di freddo, produttive, con un'elevata qualità dei frutti e una buona post-conservazione. Ciò consentirebbe di ampliare le attuali aree di produzione e di produrre ciliegie da metà marzo con l'uso di coperture in plastica. In termini di colore, privilegiamo le ciliegie rosso scuro, ma siamo interessati anche alle ciliegie blush.

Gregorio Lopez-Ortega.

Quanti ibridi producete in media all'anno?

La nostra media negli ultimi anni è stata di 1500 piantine piantate in campo. Tuttavia, il nostro obiettivo attuale è di arrivare a quasi 5000 piantine.

Quali sono i principali metodi che utilizzate per creare nuovi materiali?

Effettuiamo l'impollinazione manuale con emasculazione, solo se necessario, ma utilizziamo anche impollinatori naturali, come i bombi. Possiamo coprire con reti antinsetto gli alberi adiacenti piantati in campo, che sono intercompatibili e con una data di fioritura simile, collocando un'arnia di bombi all'interno della rete.

Possiamo anche coprire alberi in vaso accanto a un albero piantato in campo, che servirà come fonte di polline, o coprire insieme alberi in vaso di cultivar diverse. Un modo per aumentare l'efficienza è quello di utilizzare, come genitrici femminili, cultivar con gli stessi alleli S (quindi incompatibili) e come genitore maschile una cultivar con alleli S diversi. Possiamo anche realizzare l'impollinazione aperta delle nostre migliori selezioni, ma con l'obiettivo di produrre ibridi che saranno poi utilizzati come nuovi genitori.

Ritiene che la diversità genetica utilizzata nel suo panel di genitrici sia sufficiente per raggiungere i suoi obiettivi a medio e lungo termine?

No, credo che nessun selezionatore di ciliegie dolci abbia una diversità genetica sufficiente. In generale, siamo tutti spinti a soddisfare criteri facili e a breve termine. Tuttavia, disponiamo di una collezione di 150 cultivar commerciali e di circa 100 ecotipi, alcuni dei quali provenienti da diverse prospettive. Non abbiamo ancora introdotto tutte le fonti genetiche conosciute per il tratto "low-chilling".

Quanti ibridi vi aspettate per ogni combinazione di incroci? Quanti incroci diversi realizzate ogni anno?

L'obiettivo è produrre tra i 150 e i 200 ibridi per ogni incrocio, anche se siamo consapevoli che si tratta di un obiettivo molto ambizioso per una coltura come il ciliegio dolce. In media realizziamo 50 incroci diversi all'anno. Questi numeri possono variare a seconda del tipo di incrocio, con tre categorie chiaramente identificate:

  • incroci di punta, che coinvolgono genitori d'élite.
  • incroci parentali, che coinvolgono almeno un genitore con una caratteristica altamente desiderata, come il basso fabbisogno di freddo, ma con caratteristiche del frutto inferiori agli standard.
  • incroci esotici, che coinvolgono genitori di altre specie (incroci interspecifici) o genotipi di ciliegio dolce altamente specifici.

Fruit selection 1.

Come è strutturato il vostro programma in termini di numero di siti di selezione e di numero di piante per selezione valutata? Effettuate valutazioni in più siti in diversi Paesi?

Abbiamo due siti di selezione principali, entrambi nella provincia di Huelva (regione dell'Andalusia): uno a El Rocio, con meno di 300 ore di refrigerazione e un altro ad Aroche, in una zona più montuosa, con 700 ore di refrigerazione. Tutte le piantine iniziali sono piantate sulle proprie radici ad Aroche e una copia di quelle con esigenze di refrigerazione molto basse è piantata a El Rocio.

Il portainnesto utilizzato è Adara. Le selezioni sono replicate 4 volte e piantate in ogni sito. Tutti i materiali, piantine e selezioni, sono coltivati sotto copertura, il che in generale riduce la compattezza e la produttività, ma migliora le dimensioni dei frutti. Abbiamo anche meno problemi di frutti doppi. Nel prossimo futuro abbiamo in programma di valutare le nostre migliori selezioni in altri Paesi, come il Cile o la Cina.

Utilizzate in qualche modo l'allevamento basato sul DNA?

Per il momento utilizziamo marcatori molecolari per caratterizzare i nostri genitori e progettare i nostri incroci, nonché per condurre test di paternità per le selezioni avanzate. L'uso di marcatori per la selezione delle piantine è stato avviato solo di recente, con marcatori che controllano il colore, le dimensioni dei frutti e l'autofertilità, e solo per eliminare un certo numero di ibridi quando le popolazioni sono particolarmente numerose.

Questi e i marcatori relativi alla data di fioritura, alla data di raccolta e alla compattezza sono in fase di sperimentazione all'interno delle nostre popolazioni, al fine di valutarne il potenziale valore per il nostro programma di riproduzione. Vorremmo anche utilizzare marcatori relativi alla tolleranza al cracking dei frutti.

Fruit selection 2.

Avete selezioni avanzate promettenti pronte per essere commercializzate a breve?

Abbiamo una dozzina di selezioni avanzate e alcune selezioni in fase pre-commerciale, ma non saranno commercializzate prima di qualche anno.

Quante persone collaborano direttamente con lei? 

Ho quattro collaboratori diretti: un responsabile di campo e un assistente selezionatore in ogni sito di selezione, ma collaboro con più di 10 persone che si occupano di genetica, qualità, laboratorio in vitro, sviluppo del prodotto, test, branding, ecc. Per quanto riguarda il periodo delle ibridazioni, lavoriamo con altre 7 persone per l'evirazione e l'impollinazione dei fiori ogni giorno durante un mese, in entrambi i siti sperimentali Nei momenti di massima raccolta, abbiamo fino a 15 o 20 persone per raccogliere tutti i frutti dai nostri materiali, diminuendo così i problemi generati da parassiti come la Drosophila suzukii.

Cosa le piace di più del suo lavoro?

La selezione delle piante è una passione per me e nel ciliegio dolce lo è ancora di più. Mi piace l'idea di fare selezione per il futuro, ma anche per il presente.

Quali sono le principali difficoltà/costrizioni che ha riscontrato come selezionatore di ciliegie? 

Una delle principali è rappresentata dai problemi derivanti dall'enorme influenza che il clima può avere sulla produzione di ciliegie. Non abbiamo solo problemi di mancanza di freddo, ma anche di qualità diversa del freddo tra un anno e l'altro. Ciò richiede una gestione molto accurata delle coperture in plastica e delle reti ombreggianti, in particolare durante il periodo di fioritura.


Cherry Times - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche

Cherry Times augura buone feste e un felice anno nuovo!

Eventi

25 dic 2023

In questo finale di anno, il team di Cherry Times desidera esprimere la propria gratitudine a tutti i lettori che ci hanno scelto come fonte di informazione preferita per comprendere e approfondire il meraviglioso mondo che ruota attorno al frutto del paradiso: la ciliegia.

Applicazioni di jasmonato di metile (MeJA) per ridurre il cracking

Difesa

28 lug 2023

Lo studio condotto dai ricercatori del gruppo di ricerca post-raccolta (Orihuela, Spagna) è stato quello di esaminare l'efficacia dei trattamenti con jasmonato di metile (MeJA), nel ridurre il cracking sui frutti di ciliegio durante le fasi di maturazione e di raccolta.

In evidenza

Monitorare la temperature delle gemme per prevenire i danni delle gelate primaverili

Rassegna Stampa

29 feb 2024

Conoscere la temperatura critica in cui le gemme vengono uccise è fondamentale per intervenire tempestivamente contro il gelo. I modelli di resistenza al freddo utilizzano la temperatura dell'aria come fattore predittivo delle temperature critiche specifiche della cultivar.

Sfide e futuro della ciliegia: dalle varietà al clima, le riflessioni dal Cile sull'industria odierna

Gestione

29 feb 2024

Analizzare tutte le sfide dell'industria delle ciliegie risulta ambizioso. In questo articolo Jean Paul Millan affronta le tematiche cruciali del settore. Dalla sostenibilità al post-raccolta, emerge la necessità di evolversi in un settore in rapida trasformazione.

Tag Popolari