Sweet Aryana conquista il Cile: nel 2023 piante vendute per 350 ettari

07 dic 2023
455

Il 2023 è stato un anno complesso, sia per la siccità che ha colpito la zona centro-settentrionale, sia per le piogge inaspettate e abbondanti nella zona centro-meridionale, sia perché i prezzi di alcune specie sono stati più bassi del previsto.

Ciò ha indubbiamente indotto i produttori a pensare a nuove strategie produttive o addirittura a ridisegnare la propria attività, abbandonando le specie in cui non riescono più a competere, perché i costi non corrispondono ai rendimenti, o semplicemente perché si stanno affacciando nuove alternative che potrebbero essere interessanti.

In questo senso, le ciliegie continuano a essere la specie più redditizia per l'intera filiera produttiva e sono ancora una volta la specie più ricercata nei vivai.

CILIEGIE: NUOVE VARIETÀ

Attualmente, nel Paese ci sono più di 60.000 ettari coltivati a ciliegie e le regioni con le maggiori superfici coltivate sono Maule e O'Higgins, rispettivamente con 27.818 ettari e 22.966 ettari. Il balzo è stato grande negli ultimi dieci anni, quando c'erano solo 13.641 ettari.

La crescita esplosiva ha portato alla comparsa di nuove aree di produzione più precoci, come nella Valle del Limarí, nella regione di Coquimbo, dove esperti come Jorge Astudillo, che produce ciliegie a Ovalle da sette anni, stimano una crescita di 100 ettari all'anno, per arrivare ai circa 500 ettari piantati oggi, in un'area in cui si distinguono le varietà con basse esigenze di freddo.

Lo sanno i responsabili di Bloom Fresh, azienda nata dalla fusione tra IFG e SNFL, che ha effettuato prove a Ovalle e Vicuña. L'azienda ha 60 ettari di varietà piantate nel Paese, tra blocchi di prova e progetti commerciali, fino alla regione di Atacama. Presto non sarà questa la zona più a nord in cui saranno presenti piantagioni di ciliegio, poiché l'azienda ha confermato l'avvio di un blocco di prova ad Arica.

A Limarí, i coltivatori hanno incluso nel loro portafoglio varietà come Santina o Lapins, che potrebbero essere raccolte ed esportate qualche settimana prima di quelle della zona centrale. Un'altra delle aziende che si è fortemente impegnata su Ovalle, pur senza trascurare la sostituzione che sta avvenendo nel resto del Paese, è ANA Chile, con un'ampia gamma di varietà per le diverse strategie che i coltivatori vogliono adottare.

Il suo direttore commerciale, Andrés Valdivieso, ha dichiarato a Redagrícola che la varietà di gran lunga più richiesta per la semina è Sweet Aryana (UNIBO), "che è stata la star".

Sweet Aryana

Questa varietà contava già 1.465 ettari, e quest'anno si è notevolmente ampliata dopo le vendite di ANA Chile, che hanno superato le 383.000 piante, senza considerare che le vendite di piante primaverili, che rappresentano circa il 50% delle piante vendute durante l'anno, devono ancora essere chiuse, "in base a decisioni che i coltivatori prendono un po' al volo, tenendo conto dei risultati previsti per l'anno", spiega Valdivieso.

Fino alla fine di novembre, ANA Chile ha venduto circa 700.000 piante di ciliegio, di cui più della metà di Sweet Aryana, che equivarrebbe a circa 350 ettari, considerando circa 1.200 piante per ettaro. Segue la varietà Pacific Red: ANA Chile ha venduto 131.000 piante di questa varietà nel 2023, mentre al terzo posto c'è Nimba, con 91.000 piante. Un'altra varietà che spicca è Areko, di cui sono state vendute circa 70.000 piante, pari a circa 183 ettari.

La vendita di queste nuove varietà commercializzate da ANA Chile si è distribuita in modo abbastanza uniforme tra Ovalle, nella regione di Coquimbo, e l'area centro-meridionale del Paese, sottolinea il responsabile commerciale di ANA Chile. "Continua ad essere un anno positivo" per le vendite di piante di ciliegio e la sua principale preoccupazione è che i frutti che i suoi alberi producono e che vengono inviati in Cina "arrivino il più possibile standardizzati".

Valdivieso sottolinea che "abbiamo fatto un enorme sforzo per incontrare tutti i coltivatori che avranno principalmente Nimba e Sweet Aryana, per cercare di dare loro le migliori linee guida possibili per arrivare con un prodotto di qualità ottimale e che si affermino fin dall'inizio come varietà attraenti, buone da mangiare, perché alla fine c'è solo una possibilità di fare una buona prima impressione".

Perché Sweet Aryana è così popolare? Secondo Valdivieso, è dovuto principalmente alla sua precocità di raccolta - circa 10 o 12 giorni prima di Santina, senza tecnologia di copertura e nelle stesse condizioni - oltre che al fatto che è una varietà "che ha un buon calibro, è produttiva, è autofertile e ha pochissimi problemi di produzione; abbiamo visto che è una varietà che non è molto complessa da gestire", oltre ad essere una varietà che si comporta molto bene sia per il viaggio in aereo se viene raccolta prima della settimana 45, sia per il viaggio in nave verso la Cina.

Presso Univiveros, invece, il responsabile delle pomacee e dei ciliegi, Vicente Villagrán, sottolinea le vendite registrate per la varietà Pacific Red, che ha avuto un buon inizio "poiché si tratta di una varietà consistente che ha gambe migliori in termini di post-raccolta e soprattutto di durofel, i coltivatori hanno avuto un po' più di fiducia con Pacific Red".

Per quanto riguarda Sweet Aryana, Villagrán sottolinea che le prime stagioni, da quando ha iniziato a essere commercializzata nel 2019, il suo rilascio è stato molto brusco e potente, ma ora i coltivatori hanno frenato un po', per vedere come si comporta la produzione delle prime piantagioni, che saranno esportate quest'anno, soprattutto dopo l'instabilità climatica che si è verificata nel 2023.

"È una varietà precoce, ma abbastanza suscettibile al cracking, quindi i produttori stanno guardando per essere più chiari sui risultati prima di iniziare a coltivare questa varietà. Ha un'ottima performance, ma i coltivatori stanno prendendo qualche precauzione in più".

RILANCIO DELLE VARIETÀ TRADIZIONALI

La crescita delle ciliegie in Cile non è associata solo alle nuove genetiche, poiché le varietà tradizionali come Lapins e Santina continuano ad avere la fiducia di molti coltivatori, nonostante i dubbi soprattutto su Lapins dopo che, qualche stagione fa, sono state diffuse notizie false di spedizioni con Covid.

Ma quell'episodio sembra ormai alle spalle e i risultati mostrano una ripresa della fiducia in queste varietà: Univiveros ha già commercializzato circa 250.000 piante di Santina in questo 2023; 70.000 piante di Lapins, e prevede di chiudere l'anno con circa 400.000 piante vendute di queste varietà.

"A causa dei bassi rendimenti di quella stagione, i coltivatori erano molto riluttanti a continuare con la Lapins, ma abbiamo visto che in stagioni irregolari e poco fredde come questa, la Lapins è una varietà che si è comportata bene, l'ho visto in tutto il Cile, sia a Ovalle che nella zona centrale, con coltivatori che non hanno avuto un grande accumulo di freddo, e si è comportata bene, sia in termini di fruttificazione che di crescita vegetativa", spiega Villagrán a proposito della ripresa che vede in questa varietà, nota tra i consulenti e i coltivatori come "payer box".

Tuttavia, la performance di Lapins in questa stagione contrasta con quella di Santina, che è stata fortemente influenzata dall'incertezza climatica, dallo scarso freddo accumulato, dalle piogge e da una primavera più fredda del previsto, che l'hanno portata ad avere una performance "molto irregolare", spiega Villagrán, sottolineando la crescita disomogenea e l'allegagione irregolare di questa varietà a forma di cuore, che è la varietà con la maggiore superficie piantata in Cile.

Un'altra delle varietà tradizionali che è riemersa con forza secondo il registro Univiveros per il 2023 è la varietà Kordia, nota per essere una varietà tardiva con un elevato fabbisogno di freddo, che ha avuto un buon inizio di vendite quest'anno, con grandi progetti nella zona centrale e centro-meridionale del Cile con circa 120.000 piante vendute.

Kordia, che è una varietà un tempo concentrata nella parte meridionale del Paese, dà spazio a un altro dei punti chiave che Villagrán evidenzia a proposito delle ciliegie: la zona meridionale "ha il freno a mano tirato", restia a fare nuovi investimenti, fondamentalmente a causa dei forti investimenti fatti negli anni precedenti, non solo in materiale vegetale ma anche in tecnologia per proteggere le colture.

Questi risultati poi sono stati un po' troncati dagli scarsi risultati registrati durante la pandemia, soprattutto a causa della crisi logistica che il mondo ha vissuto e che ha fatto sì che molti frutti arrivassero in cattive condizioni e che ha fatto sì che i produttori non rendessero redditizi questi progetti; ecco perché c'è ancora un freno a questi progetti nella zona meridionale del Paese.

Villagrán ritiene che quest'anno sia stato un anno medio, né molto buono né molto cattivo: "Molte delle consegne di quest'anno (in inverno) sono state fatte con un anno di anticipo, quindi abbiamo avuto il freno dei produttori che erano in anticipo con i loro progetti".

"Ma non si può nemmeno dire che sia stata un'annata molto negativa, perché la parte tardiva del sud non ha piantato e in molti casi non ha nemmeno ripiantato i propri frutteti, aspettando che arrivasse la stagione e che si definisse un po' come fare lo schema dei prezzi per questo frutto", sottolineando che le zone centro-nord e centro-sud hanno permesso di equilibrare le forze.

Fonte: Redagrícola


Cherry Times - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche

ANA Chile® mostra promettenti varietà precoci di ciliegie nella zona settentrionale

Eventi Varietà

21 nov 2023

La prima parte dell'evento si è svolta presso l'Hotel Limarí, dove hanno presentato il consulente Walter Masman e Lorena Pinto, product manager pomacee e ciliegi di ANA Chile. Il secondo giorno, il Field Day si è svolto in un blocco test situato a Recoleta, Ovalle.

I prezzi al dettaglio delle ciliegie in Svizzera sono aumentati del 18% rispetto all'anno scorso

Mercati Rassegna Stampa

15 set 2023

Nel mese di luglio, le ciliegie biologiche hanno raggiunto un prezzo medio di 17,45 CHF/kg nel commercio al dettaglio tradizionale (esclusi i discount). I volumi complessivi sono aumentati costantemente dal 2021.

In evidenza

Sfide e futuro della ciliegia: dalle varietà al clima, le riflessioni dal Cile sull'industria odierna

Gestione

29 feb 2024

Analizzare tutte le sfide dell'industria delle ciliegie risulta ambizioso. In questo articolo Jean Paul Millan affronta le tematiche cruciali del settore. Dalla sostenibilità al post-raccolta, emerge la necessità di evolversi in un settore in rapida trasformazione.

L'Università di Washington propone un piano di lavoro per prevenire e combattere la X-disease

Rassegna Stampa

28 feb 2024

Welcome Sauer, analista del settore frutticolo che lavora con l'università, spera di distribuire il modello sotto forma di cartella di lavoro, in modo da regolare i numeri di base per i costi operativi del frutteto su un modello economico per la mitigazione della X-disease.

Tag Popolari