CherryTech 2024: come tecnologia e innovazione stanno trasformando il post-raccolta

02 lug 2024
88

La post-raccolta è diventata fondamentale e imprescindibile per il miglioramento dell'industria cilena delle ciliegie. Durante CherryTech 2024, il più importante evento tecnico del settore, è stato uno degli argomenti trattati nel forum "Procedure e gestione della post-raccolta: qual è l'opinione del consumatore finale e i punti critici da affrontare?

Il forum è stato condotto da Héctor García, cofondatore e direttore dei laboratori Diagnofruit.

Nicolás Zamorano, consulente indipendente per i mercati asiatici e che ha partecipato al forum, ha commentato che in Cina i consumatori sono cambiati e "si sono formati soprattutto sulle varietà di ciliegie. Oggi il business non è più globale, ma è diventato sempre più specifico, insieme ai requisiti che i clienti hanno per ogni varietà".

Ha spiegato che nelle ultime stagioni è possibile vedere i clienti assaggiare i frutti per valutarne il sapore, la dolcezza, la consistenza e la croccantezza. Oltre ad alcune caratteristiche cromatiche specifiche di ciascuna varietà.

Il consulente per pomacee, ciliegie, kiwi e mirtilli, Francisca Barros, si è detta d'accordo sull'importanza della compattezza della frutta, affermando che "quando si aprono i contenitori, la prima analisi effettuata dal destinatario è toccare la frutta e si aspetta che sia compatta".

Barros ha aggiunto che attualmente i consumatori cinesi sono in grado di riconoscere le varietà in base al colore ottimale del raccolto.

Per quanto riguarda i cambiamenti che il mercato ha subito, Zamorano ha sottolineato che la decisione di acquisto viene presa tramite piattaforme online, infatti "non si basa sull'etichetta, ma piuttosto sulla credibilità, sulle caratteristiche di ciascuna delle varietà".

In questo senso, ha aggiunto che l'industria deve essere coerente nella qualità della frutta. "È importante concentrarsi sui requisiti di ciascuna varietà, dato che le vendite online stanno assumendo un ruolo centrale", ha affermato. La responsabile della qualità e dello sviluppo sostenibile di Ranco Cherries, Pamela Osorio, ha sottolineato l'importanza della qualità dei frutti, dove "la cosa più complessa è l'eterogeneità dei frutti".

"I produttori pensano che i loro frutti siano i migliori, ma dobbiamo capire che gli esportatori ricevono frutti da produttori diversi e questo genera differenze che spesso sono difficili da gestire", ha detto.

Anche Raúl Orellana, specialista del post-raccolta, ha approfondito il tema della qualità della frutta: "La prima cosa da fare è produrre frutta di qualità nel frutteto, il confezionamento non migliora il prodotto. Quello che possiamo fare è mantenere il prodotto, segregarlo in modo corretto, in modo che arrivi al cliente giusto e ovviamente applicare fungicidi e trattamenti a freddo, in modo che la ciliegia arrivi a destinazione in modo corretto".

Gestione agronomica  

I relatori si sono trovati d'accordo sul fatto che la qualità dei frutti deriva dai frutteti. Secondo Francisca Barros, è estremamente importante e non facile prendere la decisione in modo tempestivo "per apportare modifiche al carico nei campi, in base al potenziale produttivo che ogni realtà possiede".

Barros ha aggiunto che "prendere una decisione tempestiva è ciò che ci permetterà finalmente di ottenere un prodotto gustoso da mangiare e di raggiungere quell'omogeneità o consistenza del prodotto. Per questo, è importante che la maggior parte del mio lotto abbia un'elevata compattezza, così come il brix".

Osorio ha indicato che è molto utile per gli esportatori in generale che i produttori abbiano un controllo di qualità nei loro frutteti e che siano in grado di pulire i frutti. "Per dare fluidità alle piante è importante avere un calibro, più grande è il frutto, più chili passiamo".

I mercati

Per quanto riguarda la diversificazione del mercato, Pamela Osorio ha spiegato che è importante per l'industria lavorare in altre destinazioni: "Questo è un aspetto che ci darà più opzioni di vendita e ancora di più con questi aumenti di produzione. Dobbiamo avere ben chiaro che nessun mercato assorbirà il volume che assorbe la Cina, né probabilmente pagherà i prezzi che i cinesi ci pagano oggi".

Ha aggiunto che "dobbiamo cercare di dare sostenibilità al business delle ciliegie nel lungo termine e questo implica che siamo disposti a sacrificare a volte un ritorno immediato ogni stagione. Dobbiamo impegnarci affinché gli Stati Uniti acquistino di più e il mercato cresca".

Raccomandazioni

Gli esperti hanno fornito alcune raccomandazioni post-raccolta che il settore dovrà prendere in considerazione nelle prossime stagioni.

A questo proposito, il consulente indipendente per i mercati asiatici ha commentato con enfasi che i formati più grandi arrivano a destinazione un po' stretti, "il che genera schiacciamenti (sic) e influisce sul primo apprezzamento che il cliente ha del container pieno. Questo toglie un po' di fiducia nei sistemi di automazione che stiamo utilizzando. Dobbiamo continuare ad ascoltare i nostri importatori, puntando sempre alla migliore qualità".

Francisca Barros ha spiegato che "non possiamo commettere l'errore di mescolare i colori nella stessa scatola". Il responsabile della qualità e dello sviluppo sostenibile di Ranco Cherries ha raccomandato ai coltivatori di "cercare di concentrare le consegne in giorni consecutivi, per ottimizzare le consegne di frutta, per coloro che condividono un esportatore".

Ha aggiunto che in questo modo è possibile assemblare lotti più grandi e questo facilita il lavoro di segregazione della gestione dei processi. "È importante che tutti capiscano che l'industria delle ciliegie deve essere collaborativa e cooperativa, dobbiamo aiutarci a vicenda", ha detto.

Orellana ha aggiunto che il modo per riuscire a vendere i frutti è arrivare con ciliegie di qualità: "Quando abbiamo un prodotto misto con due dimensioni o due varietà, non si vendono rapidamente. Quindi il modo per riuscire a venderle rapidamente è con un pallet più puro".

Zamorano ha concluso dicendo che "le ciliegie cilene si sono posizionate sul mercato cinese in modo spettacolare, come alcune delle migliori al mondo, e la motivazione oggi deve essere quella di continuare a sostenere questa campagna e di continuare a crescere nelle città dell'interno".

Fonte: Portal Frutícola
Immagine: Portal Frutícola


Cherry Times - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche

Ciliegie della Patagonia: tecnologie e gestione per migliorare la qualità e ridurre le perdite

Mercati Produzione Rassegna Stampa

24 gen 2024

Grazie alla loro qualità differenziata, queste ciliegie hanno ottenuto la prima Denominazione di Origine della provincia. Inoltre, le ciliegie prodotte a Los Antiguos sono le ultime ad essere raccolte nell'emisfero meridionale, nel periodo tra dicembre e metà febbraio.

DOP Cereza del Jerte: nuova identità visiva per una maggiore sostenibilità

Tipicità

06 giu 2024

L'obiettivo di questo rinnovamento è quello di adattare l'identità visiva della DOP a un mondo sempre più digitale. Il Consiglio Regolatore rinnova l'immagine aziendale lanciando un nuovo logo, che rappresenta sia le ciliegie che le picotas DOP.

In evidenza

Uno studio mostra come gli afidi vengono influenzati dai cambiamenti climatici

Difesa

17 lug 2024

Uno studio turco prevede che i cambiamenti nei valori delle temperature influenzeranno l'espansione delle aree di distribuzione delle specie invasive, la sopravvivenza durante la stagione invernale, l'aumento del numero di generazioni e la trasmissione di malattie delle piante.

La produzione di ciliegie in British Columbia: un esempio di successo canadese

Produzione

17 lug 2024

Dagli anni Novanta, la crescita dell'industria canadese si è concentrata soprattutto sulla collaborazione con i Paesi stranieri per la stipula di accordi per l'acquisto dei nostri frutti. Le ciliegie canadesi vengono esportate in oltre 20 Paesi, tra cui Giappone e Corea del Sud.

Tag Popolari