Import Cina: oltre 500 mila tonnellate dal Cile, ma la stella rimane la ciliegia

08 feb 2024
198

Secondo un rapporto pubblicato dalla Camera di Commercio cinese per l'importazione e l'esportazione di prodotti alimentari, prodotti indigeni e sottoprodotti di origine animale, le importazioni di frutta della Cina hanno mantenuto la loro traiettoria ascendente per tutto il 2023.

Lo scorso anno, il gigante asiatico ha importato 7,52 milioni di tonnellate (16,85 miliardi di dollari), con un aumento del 3% e del 15% rispetto al 2022. Nel frattempo, le esportazioni di frutta cinese nel 2023 sono state pari a 3,87 milioni di tonnellate (4,98 miliardi di dollari), con aumenti del 19% e dell'8% rispetto all'anno precedente. In particolare, il 2023 è stato il primo anno dal 2020 in cui sia le importazioni che le esportazioni di frutta hanno registrato una crescita.

Ciliegie: il biglietto da visita della frutta cilena in Cina

In termini di importazioni dalla Cina, i principali frutti sono stati: durian fresco (6.720 milioni di dollari, durian congelato (1,040 milioni di dollari), ciliegie fresche (2.650 milioni di dollari), banane (1.080 milioni di dollari) e mangostano (730 milioni di dollari). Queste categorie hanno rappresentato il 76% delle importazioni totali di frutta della Cina.

Nel frattempo, i principali fornitori di frutta sono stati: Thailandia, Cile, Vietnam, Filippine e Nuova Zelanda, il che posiziona il Cile come il principale paese fornitore di frutta temperata nell'emisfero meridionale.

Durian fresco: l'anno scorso la Cina ha importato 6,720 milioni di dollari di questo frutto (con un aumento del 66% rispetto all'anno precedente). Il volume è stato di 1.426 milioni di tonnellate, con un aumento del 73% rispetto all'anno precedente. Il durian è la più grande categoria di frutta importata dalla Cina.

Il durian fresco viene importato principalmente dalla Tailandia; nel 2023 il valore delle importazioni è stato di 4,57 miliardi di dollari (929.000 tonnellate), con un aumento anno su anno del 19% e del 18%. Nel luglio 2022 sono state autorizzate le importazioni di durian fresco vietnamita, per un totale di 2,14 miliardi di dollari (493.000 tonnellate) nel 2023.

Durian congelato: nel 2023, le importazioni dalla Thailandia sono state pari a 770 milioni di dollari, con un aumento del 19% rispetto all'anno precedente, e il volume delle importazioni è stato di 108.000 tonnellate, con un aumento del 12% rispetto all'anno precedente. Le importazioni di durian congelato dalla Malesia sono state pari a 270 milioni di dollari, con un aumento del 34% su base annua, e il volume delle importazioni si è attestato a 25.000 tonnellate, con un aumento del 47% su base annua.

Ciliegie fresche: le ciliegie sono state la seconda categoria di frutta importata dopo il durian. Nel 2023, secondo i dati delle Dogane cinesi, le ciliegie importate ammontavano a 2,65 miliardi di dollari, con un calo del 4% su base annua, mentre il volume importato era di 347.000 tonnellate, con un calo del 5% su base annua.

Tra queste, le importazioni dal Cile sono le più importanti, pari a 2,55 miliardi di dollari, in calo del 5% su base annua, con un volume di importazioni di 334.000 tonnellate, che riflette un calo del 7% su base annua.

Banane: nel 2023, il volume delle importazioni cilene di banane si è attestato a 1,08 miliardi di dollari, con un calo del 7% su base annua. La quantità importata è stata di 1,768 milioni di tonnellate, con un calo del 2% su base annua. Filippine, Vietnam, Cambogia ed Ecuador sono stati i principali fornitori di banane della Cina. Le importazioni di banane da questi quattro Paesi hanno rappresentato il 97% delle importazioni totali di banane della Cina.

Mangostano: l'anno scorso la quantità di mangostano importata è stata di 730 milioni di dollari e il volume delle importazioni è stato di 242.000 tonnellate, con un aumento del 16% rispetto all'anno precedente. La Thailandia è il principale fornitore di mangostano della Cina e rappresenta l'86% delle importazioni di mangostano.

La Cina ha importato 620 milioni di dollari dalla Thailandia, con un aumento del 14% rispetto all'anno precedente, e il volume delle importazioni è stato di 207.000 tonnellate, con un aumento del 13% rispetto all'anno precedente. Le importazioni dall'Indonesia si sono attestate a 110 milioni di dollari di mangostano, con un volume di importazione di 35.000 tonnellate, con un aumento su base annua rispettivamente del 31% e del 36%, pari al 14% del mangostano totale importato in Cina.

Cocco verde: nel 2023, le importazioni di cocco verde in Cina sono cresciute fino a 580 dollari, con un volume di importazioni di 1,182 milioni di tonnellate, con un aumento su base annua del 2% e del 10%. I principali Paesi fornitori sono Thailandia, Indonesia e Vietnam, che rappresentano il 99% delle importazioni totali di cocco della Cina.

Kiwi freschi: nel 2023, le importazioni di kiwi freschi dalla Cina sono state pari a 490 milioni di dollari, con un volume di 118.000 tonnellate, lo stesso dello scorso anno. Il principale fornitore è stata la Nuova Zelanda, con un valore delle importazioni di 450 milioni di dollari, pari a un calo del 2% rispetto all'anno precedente, e una quantità di importazioni di 104.000 tonnellate, pari a un calo del 3% rispetto all'anno precedente, che rappresentano l'88% delle importazioni di kiwi dalla Cina.

Esportazioni di frutta cilena in Cina

Secondo i dati di Frutas de Chile, nella stagione 2022-2023 il Cile ha inviato 598.362 tonnellate di frutta fresca in Cina, consolidando la sua posizione di secondo Paese di destinazione della frutta cilena. Le principali specie inviate al gigante asiatico sono state: ciliegie (71% del totale delle esportazioni in Cina), prugne (14%), uva da tavola (10%) e nettarine (6%).

Esportazioni: aumentano le mele e gli agrumi freschi

Nel 2023, il valore delle esportazioni di frutta in Cina era di 4.980 milioni di dollari, con un aumento dell'8% rispetto all'anno precedente, e il volume delle esportazioni era di 3.868 milioni di tonnellate (con un aumento del 19% rispetto all'anno precedente).

In termini di valore delle esportazioni, le principali categorie sono state le mele fresche, gli altri agrumi (compresi i mandarini satsuma e satsuma), l'uva fresca, le pere fresche, i pompelmi e i pomeli. I principali mercati di esportazione sono stati Vietnam, Thailandia, Indonesia, Hong Kong, Cina e Filippine,

Mele fresche: nel 2023, le esportazioni di mele fresche hanno raggiunto un valore di 970 milioni di dollari, per un volume di 796.000 tonnellate, con un calo del 7% e del 3% rispetto all'anno precedente. I principali mercati di esportazione sono stati Vietnam, Indonesia, Thailandia, Filippine e Bangladesh, che hanno registrato un calo complessivo su base annua.

Altri agrumi: nel 2023, il valore delle esportazioni di agrumi è stato di 850 milioni di dollari e il volume esportato è stato di 832.000 tonnellate, con un aumento del 19% e del 41% rispetto all'anno precedente. I principali mercati di esportazione sono stati Vietnam, Kirghizistan, Indonesia, Federazione Russa, Thailandia, Filippine e Malesia.

Uva fresca: nel 2023, il valore delle esportazioni di uva fresca ammontava a 810 milioni di tonnellate, con un aumento del 12% rispetto all'anno precedente, e il volume delle esportazioni era di 483.000 tonnellate, con un aumento del 28% rispetto all'anno precedente. I principali mercati di esportazione sono stati Thailandia, Vietnam, Indonesia, Filippine, Bangladesh, ecc.

Pere fresche: la Cina ha esportato pere fresche per un valore di 540 milioni di dollari, con un volume di esportazione di 479.000 tonnellate, con un aumento dell'8% rispetto all'anno precedente. I principali mercati di esportazione delle pere fresche sono stati Indonesia, Vietnam, Thailandia, Hong Kong, Cina, Malesia e Kirghizistan.

Pompelmo: nel 2023, le esportazioni di pompelmo hanno raggiunto il valore di 170 milioni di dollari, con un aumento del 39% rispetto all'anno precedente, e il volume esportato è stato di 191.000 tonnellate, con un aumento del 38% rispetto all'anno precedente. I principali mercati di esportazione sono stati i Paesi Bassi, la Federazione Russa, il Kirghizistan, la Romania e l'Ucraina.

Fonte: Mundoagro


Cherry Times - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche

Az. Agr. Maurizio Vezzali: lo sguardo della tradizione verso il futuro

Produzione

18 ago 2023

L'Azienda Agricola Maurizio Vezzali è un'azienda della provincia di Modena che gestisce oltre 40 ettari tra Vignola, Spilamberto e Marano, di cui 25 interamente dedicati alla produzione cerasicola. Per Cherry Times ha parlato il proprietario dell'azienda, Maurizio.

Giacovelli: innovazione varietale e residuo zero

Mercati Produzione

27 apr 2023

Con un fatturato di oltre 60 milioni di euro, Giacovelli srl è una delle realtà di punta della produzione e commercializzazione di prodotti ortofrutticoli in Puglia. La passione e la specializzazione per le ciliegie ne fa uno dei protagonisti italiani.

In evidenza

Monitorare la temperature delle gemme per prevenire i danni delle gelate primaverili

Rassegna Stampa

29 feb 2024

Conoscere la temperatura critica in cui le gemme vengono uccise è fondamentale per intervenire tempestivamente contro il gelo. I modelli di resistenza al freddo utilizzano la temperatura dell'aria come fattore predittivo delle temperature critiche specifiche della cultivar.

Sfide e futuro della ciliegia: dalle varietà al clima, le riflessioni dal Cile sull'industria odierna

Gestione

29 feb 2024

Analizzare tutte le sfide dell'industria delle ciliegie risulta ambizioso. In questo articolo Jean Paul Millan affronta le tematiche cruciali del settore. Dalla sostenibilità al post-raccolta, emerge la necessità di evolversi in un settore in rapida trasformazione.

Tag Popolari