L'azienda Forest Lodge abbandona i combustibili fossili per un approccio 100% elettrico

21 giu 2024
92

Il ceraseto di Forest Lodge si definisce "probabilmente la prima azienda agricola commerciale al mondo a zero combustibili fossili e 100% elettrica".

L'azienda, situata nell'Otago centrale, in Nuova Zelanda, utilizza una vasta gamma di apparecchiature elettriche, tra cui ventilatori antigelo, pompe per l'irrigazione e veicoli, tutti alimentati da un impianto solare da 23 kW e da una batteria da 105 kWh, oltre che dalla rete elettrica rinnovabile neozelandese ad alta intensità.

"Invece di essere qualcuno che dice agli agricoltori cosa fare, stiamo mostrando loro che l'abbiamo fatto e quali sono i numeri", dice l'agricoltore Mike Casey, che ha fondato l'azienda agricola con la moglie Rebecca e che sarà uno dei relatori principali della Conferenza nazionale sulle energie rinnovabili in agricoltura di quest'anno nel Queensland.

Alla conferenza di Toowoomba sarà presente anche la produttrice locale di carne Caitlin McConnel, che parlerà della sua esperienza di pascolo del bestiame sotto i pannelli solari e del perché è fondamentale che l'agricoltura e le energie rinnovabili lavorino insieme.

"Dal 2010 la mia famiglia fa pascolare il bestiame da carne sotto inseguitori solari progettati appositamente per garantire la continuità della produzione di bestiame, utilizzando al contempo la minor quantità di terreno agricolo", spiega McConnel.

La Conferenza nazionale sulle energie rinnovabili in agricoltura è stata avviata nel 2019 dall'agricoltore del NSW Karin Stark, dopo aver faticato a trovare informazioni pronte sulle alternative ai combustibili fossili. Riunisce agricoltori, consulenti per l'agricoltura e l'energia, enti di punta e rappresentanti del governo per condividere storie di tecnologie rinnovabili ed elettriche nelle aziende agricole.

"Con l'intersezione tra agricoltura ed energia rinnovabile che diventa sempre più vitale, la Conferenza nazionale sulle energie rinnovabili in agricoltura è una piattaforma fondamentale per gli operatori del settore per collaborare, innovare e tracciare la strada verso un futuro più sostenibile", afferma Stark.

"Abbiamo agricoltori che hanno continuato a coltivare sotto i pannelli solari, ed è importante che gli insegnamenti vengano condivisi con gli altri per garantire che l'introduzione delle energie rinnovabili sia complementare all'agricoltura piuttosto che sostituirla".

La conferenza funge anche da antidoto alle affermazioni secondo cui le energie rinnovabili e l'agricoltura non possono coesistere, evidenziando i vantaggi economici, agricoli e ambientali della combinazione di energie rinnovabili e agricoltura.

Fonte: Renew Economy
Immagine: Renew Economy


Cherry Times - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche

Ciliegia Jerte: una ricerca spagnola indica la preferenza per prodotti IGP e DOP

Tipicità

08 apr 2024

La denominazione di origine protetta della ciliegia Jerte ne certifica l'origine e la qualità dal 1996. In termini economici, il valore delle denominazioni di origine è stato stimato in 7,3 miliardi nel 2018, con oltre 353 marchi di qualità spagnoli registrati nell'UE.

Cancro batterico del ciliegio, virus batteriofagi come alleati

Difesa

05 apr 2024

I ricercatori del Dipartimento Plant, Soil and Microbial Sciences della Michigan State University stanno approfondendo da qualche anno la possibilità di schierare virus batteriofagi, contro il cancro batterico del ciliegio grazie alla loro specializzazione nell’infettare batteri.

In evidenza

Uno studio mostra come gli afidi vengono influenzati dai cambiamenti climatici

Difesa

17 lug 2024

Uno studio turco prevede che i cambiamenti nei valori delle temperature influenzeranno l'espansione delle aree di distribuzione delle specie invasive, la sopravvivenza durante la stagione invernale, l'aumento del numero di generazioni e la trasmissione di malattie delle piante.

La produzione di ciliegie in British Columbia: un esempio di successo canadese

Produzione

17 lug 2024

Dagli anni Novanta, la crescita dell'industria canadese si è concentrata soprattutto sulla collaborazione con i Paesi stranieri per la stipula di accordi per l'acquisto dei nostri frutti. Le ciliegie canadesi vengono esportate in oltre 20 Paesi, tra cui Giappone e Corea del Sud.

Tag Popolari