Shoreline Fruit: innovazione e crescita della cooperativa più grande di amarene statunitensi

04 lug 2024
85

La storia della cooperativa Shoreline Fruit inizia alla fine degli anni '60, durante le riunioni casuali della FarmHouse Fraternity della Michigan State University. È qui che due coppie di fratelli, Bob e Don Gregory e Dean, Gene e Norm Veliquette, piantarono i semi di quella che sarebbe diventata la più grande azienda di ciliegie del Nord America.

Pochi ettari affittati sono cresciuti fino a diventare un'ampia cooperativa di coltivatori; oggi, i 6.000 acri di frutteti della cooperativa con sede a Williamsburg raccolgono in genere circa 50 milioni di libbre (oltre 22.000 tonnellate) di amarene Montmorency. La famiglia Gregory gestisce Cherry Bay Orchards e Gregory Brothers Farms, mentre le aziende della famiglia Veliquette sono Cherry Ke e Cherries R Us.

Tra i primi nel Michigan settentrionale a ottenere la certificazione USDA Good Agricultural Practices, i coltivatori di Shoreline Fruit stabiliscono anche un elevato standard di agricoltura sostenibile. "Amo lavorare con la mia famiglia ed essere responsabile di qualcosa che ha una lunga storia. È molto gratificante lavorare con la terra, amministrarla e trasmetterla alla generazione successiva", afferma Nels Veliquette, direttore finanziario di Cherries R Us.

Ma il processo di coltivazione non è sempre dolce, anche qui nella capitale mondiale delle ciliegie. La concorrenza internazionale, la carenza di manodopera e i cambiamenti climatici tengono i coltivatori con il fiato sospeso. Il lato positivo è che le nuove collaborazioni e la tecnologia, tra cui TikTok, possono aiutare a compensare le sfide che i coltivatori devono affrontare.

Immagine 1: Frutteto di amarene di Shoreline Fruit.

Domanda e offerta

All'inizio degli anni Novanta, l'industria delle ciliegie ha dovuto affrontare importanti sfide economiche. I prezzi per i coltivatori si aggiravano intorno a soli cinque centesimi per libbra, una cifra insostenibile per la redditività a lungo termine.

In risposta, il settore ha istituito un Federal Marketing Order (FMO), che ha permesso ad alcuni produttori di lavorare insieme per gestire l'offerta, stabilizzare i prezzi e mettere in comune le risorse per le attività di marketing. Questa iniziativa, supervisionata da un comitato di produttori e trasformatori, mirava a creare un mercato più sostenibile e redditizio per le amarene.

Il duplice approccio di controllo dell'offerta e di commercializzazione dell'OCM ha contribuito a stabilizzare i prezzi e a promuovere il consumo di ciliegie negli Stati Uniti. "L'ordine di commercializzazione federale, l'OCM, funziona molto bene", afferma Nels.

Un aspetto unico della produzione di amarene nell'ambito dell'FMO è la capacità di controllare l'offerta. Questo ha portato a scene drammatiche in cui le ciliegie in eccesso vengono talvolta scaricate sul ciglio della strada, una pratica che ha attirato l'attenzione dell'opinione pubblica. Tuttavia, come chiarisce Nels, "il governo non ha mai, mai, e non può obbligare nessuno a scaricare le ciliegie".

La decisione di gestire le ciliegie in eccedenza, che si tratti di scaricarle o di metterle in riserva, viene presa collettivamente dai coltivatori e dai trasformatori. Le riserve possono essere utilizzate in caso di fallimento del raccolto o per sostenere lo sviluppo di nuovi prodotti.

Se l'aspetto del controllo dell'offerta dell'OCM è al centro dell'attenzione, gli sforzi di marketing finanziati dall'OCM si sono dimostrati altrettanto vitali. Negli ultimi 30 anni, queste iniziative di marketing sono riuscite ad aumentare il consumo di ciliegie.

"Gli americani mangiano più ciliegie e consumano più ciliegie che mai", afferma Nels, attribuendo questo successo all'uso efficace dei fondi di marketing raccolti attraverso una piccola tassa sui coltivatori.

Tuttavia, l'industria delle ciliegie deve ancora affrontare le sfide della concorrenza internazionale. All'inizio degli anni Duemila, una significativa perdita di raccolto ha portato a un afflusso di ciliegie dalla Polonia e dalla Turchia per soddisfare la domanda del mercato. Questo spostamento ha messo in evidenza una vulnerabilità critica del mercato statunitense delle ciliegie: la mancanza di restrizioni alle importazioni.

"Le importazioni sono arrivate per riempire una nicchia", dice Nels, ma spiega che col tempo gli importatori hanno capito che potevano trarre profitto dal mercato statunitense, soprattutto perché i costi di produzione in Paesi come la Turchia sono più bassi grazie ai sussidi governativi.

I concorrenti stranieri potrebbero non scomparire mai, quindi Nels ritiene che l'integrazione dei produttori internazionali negli sforzi di marketing dell'OCM potrebbe cambiare le carte in tavola. "Se riuscissimo a far partecipare tutti, compresi gli importatori, alla valutazione di marketing, il nostro bilancio aumenterebbe notevolmente e tutti i produttori ne trarrebbero beneficio", suggerisce.

Immagine 2.

Lotta su più fronti

La gestione dei parassiti e delle malattie è un'altra battaglia costante per i coltivatori di ciliegie. La drosofila ad ala maculata (SWD), una mosca della frutta proveniente dall'Asia, rappresenta una minaccia significativa.

"Gli inverni più miti hanno aumentato la pressione di parassiti e funghi", afferma Nels. "Il nostro clima sta diventando più mite e non c'è più tanta neve, il che ha un impatto sulle nostre colture". Questi cambiamenti hanno reso indispensabile per Shoreline Fruit l'adozione di strategie di gestione dei parassiti più solide.

La variabilità del clima, come le gelate di fine primavera, le settimane roventi di inizio estate e le piogge abbondanti, ha portato a una maggiore frequenza di fallimenti dei raccolti. Recentemente, nel 2020 e nel 2021, molte aziende agricole della zona hanno perso fino al 90% dei loro raccolti.

"Non c'è dubbio che il nostro tempo sia più imprevedibile e che i raccolti corti siano più frequenti", afferma Nels. "È una sfida costante adattarsi a questi cambiamenti".

Anche la carenza di manodopera ha avuto un impatto significativo sull'industria delle ciliegie. Il programma di visti temporanei H-2A per i lavoratori agricoli provenienti dal Messico è stato un'ancora di salvezza, consentendo ai frutteti di operare in modo efficiente durante la stagione del raccolto.

"Gestiamo sei squadre, che raccolgono 24 ore su 24, 7 giorni su 7", dice Nels. "L'ultima squadra locale che abbiamo avuto è stata nel 2019. È impossibile assumere abbastanza manodopera a livello locale e trovare un alloggio per i nostri lavoratori è una sfida costante".

E poi c'è l'obiettivo mutevole del frutto stesso. Sebbene le amarene siano il pane quotidiano di Shoreline Fruit, le aziende agricole producono una varietà di ciliegie, tra cui le amarene per le torte e i prodotti secchi, le ciliegie blush per i maraschinos e le ciliegie dolci scure per il consumo fresco e la produzione di yogurt.

"Abbiamo dovuto adattarci alle mutevoli preferenze dei consumatori e alle richieste del mercato", spiega Nels. Negli ultimi 10-20 anni sono stati apportati cambiamenti significativi ai tipi di ciliegie coltivate e ai metodi utilizzati per garantirne la competitività.

Coltivare qualcosa di nuovo

L'innovazione è la chiave per superare questi ostacoli e Nels afferma che gli agricoltori vorrebbero esplorare più tecnologie di agricoltura di precisione, come i droni per il monitoraggio e l'applicazione dei pesticidi.

"La promessa dell'agricoltura di precisione e della tecnologia è entusiasmante", afferma. "Siamo sempre alla ricerca di falciatrici autonome e di altre innovazioni che potrebbero rivoluzionare le nostre operazioni".

Il frutteto sta anche sperimentando nuove varietà di colture e prodotti per rimanere all'avanguardia sul mercato. Questa diversificazione aiuta a mitigare i rischi e a garantire un flusso di reddito costante, soprattutto quando la produzione di ciliegie deve affrontare nuovi ostacoli.

Un'altra manna inaspettata è arrivata dai social media all'inizio dell'anno. Una recente tendenza virale su TikTok, il "Sleepy Girl Mocktail", ha incrementato le vendite di succo di ciliegia, dimostrando il potere del marketing moderno.

"Stiamo producendo più succo di ciliegia possibile, il più velocemente possibile", in risposta alla tendenza, dice Nels. (Potreste anche aver visto un piccolo tag #sleepygirlmocktail su una bottiglia di succo di Cherry Bay Orchards nel vostro negozio di fiducia, con un codice QR da scansionare per ottenere una ricetta. L'originale comprende succo di ciliegia, polvere di magnesio e soda).

In fin dei conti, Nels ritiene che il futuro della coltivazione delle ciliegie risieda nello sfruttamento della tecnologia, negli sforzi di collaborazione e nella coltivazione del miglior frutto possibile. "Abbiamo un ottimo prodotto con benefici unici. Le persone lo amano quando lo scoprono e, con un impegno costante, possiamo fare in modo che sempre più persone lo scoprano".

Fonte: Northern Express
Immagine: Shoreline Fruit


Cherry Times - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche

Una ricerca cilena valuta gli effetti dei biostimolanti sulle varietà Santina

Qualità

27 mag 2024

La ricerca ha valutato l'effetto del prodotto Botan Foliar sulla produzione e qualità della frutta in ciliegi varietà Santina innestati su portainnesto Colt. Le applicazioni dei prodotti e le valutazioni sono state effettuate durante la primavera della stagione 2023-24.

Ciliegi in vaso allevati a pergola sotto serra in Ungheria

Impianti

16 feb 2024

La serra è stata costruita nel 2019 e i ciliegi microinnestati sono stati piantati nel 2020. L'obiettivo è una raccolta precoce, che avverrà tra il 10 e il 20 maggio, che dovrebbe raggiungere una produzione di 20 tonnellate/ettaro nella prima parte della stagione europea.

In evidenza

Uno studio mostra come gli afidi vengono influenzati dai cambiamenti climatici

Difesa

17 lug 2024

Uno studio turco prevede che i cambiamenti nei valori delle temperature influenzeranno l'espansione delle aree di distribuzione delle specie invasive, la sopravvivenza durante la stagione invernale, l'aumento del numero di generazioni e la trasmissione di malattie delle piante.

La produzione di ciliegie in British Columbia: un esempio di successo canadese

Produzione

17 lug 2024

Dagli anni Novanta, la crescita dell'industria canadese si è concentrata soprattutto sulla collaborazione con i Paesi stranieri per la stipula di accordi per l'acquisto dei nostri frutti. Le ciliegie canadesi vengono esportate in oltre 20 Paesi, tra cui Giappone e Corea del Sud.

Tag Popolari