Sfide e futuro della ciliegia: dalle varietà al clima, le riflessioni dal Cile sull'industria odierna

29 feb 2024
403

Analizzare tutte le sfide dell'industria della ciliegia in una serie di articoli può sembrare pretenzioso, ma è un modo per interrogarsi, in modo olistico, su alcuni degli aspetti che sembrano più rilevanti nel presente e nel prossimo futuro.

In questa articolo Jean Paul Joublan Millan, elenca quelli che per il momento possono risultare più evidenti. In primo luogo, citando quelli che sono stati discussi in altre analisi, ma considerando che tanti altri possono essere trascendentali e questo articolo può rappresentare un'occasione per citarli e analizzarli.

  1. Migliorare il prodotto.
  2. Sfruttare le vendite commerciali.
  3. Si consideri un ricambio varietale.

Per quest'ultima, esiste un'ampia offerta di programmi genetici che stanno promuovendo varietà con buone prestazioni e carico nel nostro Paese. Tuttavia, ci sono diverse sfide che sono altrettanto importanti, se non di più:

  1. Incorporare la sostenibilità nella produzione di ciliegie.
  2. Migliorare i programmi e la gestione di parassiti come Drosophila suzukii e altre specie potenzialmente pericolose come Halymorpha halys, ad esempio.
  3. Ridurre l'applicazione di pesticidi.
  4. Ottimizzare la gestione e la nutrizione del suolo.
  5. Sviluppare protocolli e strategie di gestione delle malattie del legno.
  6. Incorporare i criteri per palatabilità nelle varietà nuove e vecchie.
  7. Gestione post-raccolta e gestione dell'inverno per ridurre l'impatto del cambiamento climatico sullo stress delle piante.
  8. La ricerca di virus e le loro conseguenze come ostacolo alla e barriere produttive.
  9. Sviluppo di programmi di certificazione delle piante esenti da virus.
  10. Nutrizione mediante nuove strategie con materia organica e microrganismi.
  11. Valutazione di gestione per ridurre l'incidenza dei parametri climatici di eccezione.

Migliorare il prodotto

Questo punto può sembrare scontato, ma è necessario analizzare diversi fattori che determinano il miglioramento del prodotto. Tutto ciò che riguarda lo sviluppo della qualità del frutto o il miglioramento del prodotto si gioca su diversi livelli, sia in pre-raccolta che in post-raccolta.

I fattori di pre-raccolta possono essere molteplici, ma negli ultimi anni le condizioni agroclimatiche hanno chiaramente complicato la gestione dei fattori produttivi per ottimizzare la qualità dei frutti. La qualità e la disponibilità dell'acqua di irrigazione sono un problema da tenere in considerazione.

Tuttavia, la produzione stagionale è meno definita dall'irrigazione in condizioni normali. La pezzatura dei frutti e il contenuto zuccherino, nelle condizioni attuali, sono più influenzati dall'apporto idrico nel periodo vegetativo di quanto non lo fossero alcuni anni fa; alla fioritura e al raccolto, in condizioni normali, dovrebbe essere disponibile un'umidità sufficiente.

Un deficit idrico stagionale può portare a una carenza di calcio nei frutti e quindi a una riduzione della consistenza. Soprattutto, però, l'irrigazione nella stagione precedente è di grande importanza per la sua influenza sullo sviluppo delle radici e delle gemme, nonché sullo stress del ciliegio e quindi sul suo stato di salute.

La produzione della stagione successiva richiede una superficie fogliare fisiologicamente attiva che necessita di un minimo di acqua in estate. Per quanto riguarda i portainnesti, si possono citare Maxma 14 e Pontaleb che, grazie al loro migliore apparato radicale, sono meno sensibili al deficit idrico.

Soprattutto, è necessario un adeguato apporto di nutrienti dal suolo, con livelli equilibrati di macro e microelementi. L'incorporazione di minerali (M1), che può avvenire attraverso l'incorporazione di materia organica (M2) o di microrganismi (M3).

Le interazioni pianta-microrganismo e microrganismo-microrganismo nel suolo consentono un comportamento migliore nella produzione di biofertilizzazione, come nel caso degli azotofissatori e dei leganti mineralizzanti dei nutrienti. Questi hanno un effetto di biostimolazione e bioprotezione, oltre a strutturare il suolo ottenendo una maggiore ritenzione di umidità.

La corretta valutazione dei parametri di raccolta per ogni varietà è molto importante e deve essere ben definita. In post-raccolta, è importante definire i parametri che rappresentano problemi dovuti al lungo periodo di conservazione in atmosfera controllata del ciliegio. Tra questi, i fattori che causano l'imbrunimento nelle ciliegie e in particolare in Regina, dove l'epoca di raccolta e lo stato nutrizionale della pianta sembrano essere i più rilevanti, ma c'è ancora molta strada da fare prima di comprenderli appieno.

Sfruttare le finestre commerciali

Questo aspetto è stato molto citato, ma si tratta di una questione che ha diverse componenti che possono essere menzionate. Una è la questione varietale, soprattutto per quanto riguarda le varietà stagionali, su cui esistono già molte ricerche. Tuttavia, vale la pena di sottolineare un aspetto rilevante, che è quello di non ripetere quanto sta accadendo con i mirtilli, dove il Perù ha aumentato in modo significativo i mirtilli precoci, incidendo sulla redditività di questa finestra di commercializzazione.

Un altro aspetto relativamente importante è l'utilizzo di serre di tipo europeo, ad esempio a Lérida, in Catalogna, dove Cherries Glamour produce ciliegie di altissimo valore in Europa.

La qualità e le varietà come Kordia, con un valore più elevato rispetto alle altre varietà per le stagioni successive, non devono essere trascurate. L'incorporazione di varietà con un'elevata qualità visiva, post-raccolta e organolettica è un modo per migliorare la redditività in tempi di maggiori volumi di fornitura.

Considerare la sostituzione varietale

Per quanto riguarda le varietà precoci incorporate di recente, se si sceglie la varietà Santina come riferimento per il periodo di raccolta nella zona settentrionale, varietà come Royal Tioga possono essere raccolte 18 giorni prima, Nimba 16 giorni prima, Brooks 14, Glenn Red 12, Royal Hazel 10 giorni prima e Sweet Aryana insieme a Royal Down possono essere raccolte 8 giorni prima. (Si veda la Tabella 1).

Fruttificazione di Sweet Aryana.

Va notato che queste date di raccolta non tengono conto dell'uso di qualsiasi tipo di pacciamatura. Pertanto, se a questi frutteti si aggiungono, ad esempio, dei macro tunnel per creare condizioni di "serra", si possono ottenere fino a sette giorni di anticipo per ogni varietà e il premio è molto alto rispetto ad altre alternative, è possibile ottenere una buona redditività anticipando il raccolto di una settimana.

TABELLA 1.

Anticipazione del raccolto di diverse varietà di ciliegie rispetto a Santina*
(*) Bisogna considerare che Santina passa dalla piena fioritura al raccolto in 55-60 giorni.

Varietà

Data

Royal Tioga

18 giorni prima

Nimba

16 giorni prima

Brooks

14 giorni prima

Glenn Red

12 giorni prima

Royal Haze

10 giorni prima

Sweet Aryana

8 giorni prima

Royal Down

8 giorni prima

Chelan

4 giorni prima

Frisco

2 giorni prima


Nuove condizioni climatiche

Questo punto merita una breve ma speciale analisi per la grande influenza che può avere sia sulla resa che sulla qualità dei frutti prodotti. È probabile che in futuro le temperature elevate durante la fioritura e dopo la raccolta diventino molto più frequenti. Potrebbero essere possibili temperature di 40°C al momento della raccolta.

Inoltre, sono state osservate piogge primaverili, ma soprattutto gelate molto tardive. Ad esempio, nel 2015 e nel 2019 si sono verificate gelate fino a -4°C il 20 e 21 novembre nelle regioni di Bio Bí e Ñuble. Le precipitazioni significative possono essere un fattore che influisce sull'impollinazione del ciliegio, in quanto il polline si rompe per un fenomeno osmotico o rimane sul terreno, impedendo l'impollinazione.

Anche l'ambiente secco è un problema, in quanto causa lo spargimento delle antere e la mortalità del polline. Un altro fattore che può influire è il gelo, che riduce la germinazione del polline.

La temperatura influenza direttamente la germinazione e lo sviluppo del tubo pollinico. La temperatura ottimale per lo sviluppo del tubo pollinico è compresa tra 22 e 25°C, mentre a 5°C il tubo pollinico smette di crescere. D'altra parte, a temperature superiori a 25°C, quando si lavora con le piante in serra, si riscontrano difficoltà nella germinazione.

Per il trasporto del polline sono necessarie temperature adatte all'attività delle api, cioè tra i 10 e i 12°C, che sono il principale mezzo di trasporto del polline (Joublan & Claverie, 2004).

Inoltre, la ricettività dello stigma si conserva per tre-cinque giorni dopo l'apertura del fiore. Secondo diversi autori (Joublan & Claverie, 2004), le condizioni ottimali per l'impollinazione dopo l'apertura di ciascun fiore si conservano per due giorni. Tuttavia, poiché vi sono differenze nell'apertura dei fiori in ogni albero, il periodo effettivo di impollinazione di un albero dura circa quattro o cinque giorni.


Jean Paul Joublan Millan


Cherry Times - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche

Continua la crisi USA: il Dipartimento dell'Agricoltura indica perdite vicine al 50% nell'area di Washington nel 2023

Rassegna Stampa

06 feb 2024

I coltivatori di ciliegie dolci dello Washington centrale e orientale hanno dovuto affrontare sfide devastanti per tutta la stagione 2023. Un andamento climatico insolito, che secondo il Dipartimento dell'Agricoltura ha causato ai coltivatori perdite superiori al 50%.

L'università del Michigan rilascia una guida per la lavorazione, la conservazione e l'utilizzo delle ciliegie

Rassegna Stampa

30 ago 2023

L'Università di Stato del Michigan ha rilasciato una guida interamente dedicata alla lavorazione, alla conservazione e all'utilizzo delle ciliegie per permette ad agricoltori e appassionati del frutto di poter lavorare e utilizzare al meglio un frutto delicato come la ciliegia.

In evidenza

L'evoluzione della produzione di ciliegie negli ultimi 15 anni

Produzione

15 apr 2024

L’offerta mondiale è salita da 1,85 a 2,75 milioni di tonnellate dal 2008 al 2022, con un aumento pari al 50% circa. La geografia dell’offerta mondiale non si è modificata in modo sostanziale negli ultimi 15 anni, anche se si può notare una concentrazione in pochi Paesi.

Ciliegie californiane: lo Stato si riprende dopo le delusioni della stagione 2023

Produzione

12 apr 2024

"Quest'anno abbiamo una tempistica stagionale più tipica" ha detto Mark Calder di Primavera Marketing - "Alcune delle varietà più precoci potrebbero uscire entro il 25 aprile, con un volume costante nella San Joaquin Valley meridionale entro il 5 maggio".

Tag Popolari