Trattamenti con acqua calda come alternativa per la conservazione delle ciliegie

28 giu 2024
256

Lo studio condotto da C. Aubert e colleghi del Centre Technique Interprofessionnel des Fruits et Légumes (Francia) indaga l'impatto dei trattamenti con acqua calda (HWT) sulla qualità e conservazione delle ciliegie, prendendo in esame le due cultivar: Balrine e Regina.

La ricerca si incentra sull'influenza che l’immersione dei frutti in acqua calda ha sulla loro consistenza, livelli di vitamina C, polifenoli e la loro suscettibilità al deterioramento durante la conservazione e la successiva vita commerciale (shelf-life).

Mantenere un’alta qualità dei frutti durante la conservazione è cruciale, soprattutto in cerasicoltura, dove la breve vita commerciale e l’alta suscettibilità al deterioramento dei frutti sono fattori limitanti. Tradizionalmente, vengono utilizzati fungicidi sintetici per il controllo dei marciumi causati da funghi.

Tuttavia, a causa della crescente domanda dei consumatori per metodi di conservazione naturali e senza residui, si stanno esplorando alternative come i trattamenti con acqua calda (HWT). Questo studio francese valuta l'efficacia di HWT a 48°C per 2 minuti, seguiti da 3 settimane di conservazione a freddo a 1°C e ulteriori 2 giorni a 20°C per simulare le condizioni di vita commerciale.

I risultati di questo studio sono promettenti. Una delle principali evidenze è che i trattamenti con acqua calda riducono significativamente la percentuale di frutti marcescenti di oltre il 50% rispetto ai non trattati. Questa riduzione è particolarmente evidente dopo il periodo di vita commerciale, suggerendo che i HWT possono effettivamente estendere il periodo di commercializzazione delle ciliegie.

Nonostante la leggera riduzione della consistenza del 5-6% in alcuni casi, i principali parametri di qualità, inclusi il contenuto di solidi solubili e l'acidità, rimangono in gran parte inalterati.

Dal punto di vista nutrizionale, i livelli di vitamina C e polifenoli non sono significativamente alterati dai HWT. La conservazione di questi composti bioattivi è cruciale, poiché le ciliegie sono note per i loro benefici alla salute, inclusi potenziali effetti antinfiammatori e antiossidanti. Pertanto, l'uso di trattamenti con acqua calda può essere considerato un valido metodo per mantenere la qualità nutrizionale delle ciliegie riducendo al contempo le perdite post-raccolta.

La conclusione dello studio sottolinea che i HWT sono una strategia pratica ed efficiente per l'industria cerasicola. È un metodo senza residui, più sicura, che si allinea con le preferenze dei consumatori. Controllando efficacemente il deterioramento senza compromettere le proprietà nutrizionali e fisico-chimiche del frutto, i HWT offrono una soluzione preziosa per prolungare la vita commerciale e migliorare la commerciabilità delle ciliegie.

In sintesi, l'applicazione dei trattamenti con acqua calda (HWT) prima della conservazione risulta essere una pratica vantaggiosa per la conservazione delle ciliegie. Questo metodo non solo è efficace contro il marciume post-raccolta, ma mantiene anche gli attributi qualitativi del frutto, rendendolo una scelta conveniente sia per i produttori (semplicità) che per i consumatori (inalterata qualità e assenza di residui).

Fonte: Aubert, C., Bulver, F., Chalot, G. et al. Effects of hot water treatments on the main physicochemical characteristics and the levels of vitamin C and polyphenols of two sweet cherry cultivars (Prunus avium L.) during cold storage and shelf-life. Eur Food Res Technol 250, 1641–1651 (2024). https://doi.org/10.1007/s00217-024-04495-y.
Immagine: SL Fruit Service

Andrea Giovannini
Università di Bologna (IT)


Cherry Times - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche

Knauf Industries propone un packaging innovativo e sostenibile per l'ambiente

Post-raccolta​

14 mar 2024

Le cassette in EPS (o le loro alternative più sostenibili, CELOOPS® e NEOPS®) sono già ampiamente utilizzate dai produttori per la vendita e il trasporto e sono già in linea con i requisiti ambientali della legislazione europea, che richiederà imballaggi interamente riciclabili.

Importanza del portainnesto nella produzione di ciliegie

Portinnesti

20 giu 2023

L'utilizzo di portainnesti nanizzanti consente di aumentare la densità di impianto che può raggiungere quasi 7.000 piante per ha. Le dimensioni ridotte consentono di facilitare e accelerare tutte le operazioni colturali portando ad una notevole riduzione dei costi.

In evidenza

Uno studio mostra come gli afidi vengono influenzati dai cambiamenti climatici

Difesa

17 lug 2024

Uno studio turco prevede che i cambiamenti nei valori delle temperature influenzeranno l'espansione delle aree di distribuzione delle specie invasive, la sopravvivenza durante la stagione invernale, l'aumento del numero di generazioni e la trasmissione di malattie delle piante.

La produzione di ciliegie in British Columbia: un esempio di successo canadese

Produzione

17 lug 2024

Dagli anni Novanta, la crescita dell'industria canadese si è concentrata soprattutto sulla collaborazione con i Paesi stranieri per la stipula di accordi per l'acquisto dei nostri frutti. Le ciliegie canadesi vengono esportate in oltre 20 Paesi, tra cui Giappone e Corea del Sud.

Tag Popolari