Ciliegia della Valle del Jerte: come tecnologia e processi manuali si fondono per un prodotto di qualità

06 mag 2024
216

Si potrebbe affermare che automazione e processi manuali sono due concetti opposti in termini di logistica di magazzino. Tranne quando si tratta di un prodotto fresco e altamente deperibile come le ciliegie. Qui le due cose si uniscono come vecchi alleati. La raccolta delle ciliegie inizia a fine aprile e di solito dura fino a metà o fine luglio.

E da metà maggio a fine giugno sono le date ideali per vedere i ciliegi con i loro frutti nel mitico paesaggio della Valle del Jerte (Estremadura). Guardando sempre al cielo e sperando che le piogge e le condizioni meteorologiche siano ideali per non rovinare di nuovo un intero raccolto, quest'anno le cooperative dell'Estremadura sperano di raccogliere circa 17 milioni di chili di ciliegie. E per farlo, non c'è niente di meglio che utilizzare la tecnologia più infallibile e antica che esista: l'occhio umano.

La ciliegia è un frutto che ha una grande carnosità e una delicatezza molto diversa da quella di qualsiasi altro frutto, afferma la direttrice generale del Gruppo Cooperativo Valle del Jerte, Mónica Tierno. Sebbene in alcuni punti della catena di produzione vi sia una certa fusione di processi tradizionali con processi più meccanizzati, la sua logistica è ancora oggi eminentemente manuale, anche se ciò non significa che sia più lenta. Il tempo è contro questo prodotto.

La ciliegia, essendo un frutto estremamente sensibile e delicato, richiede un trattamento molto attento e deve essere raccolta a mano, una per una”, spiega Mónica Tierno. Nella Valle del Jerte, la coltivazione delle ciliegie è ancora un'attività familiare, con piccole piantagioni coordinate dal gruppo di cooperative, che dispone di un grande impianto logistico dove finiscono tutte le ciliegie e le picotas della zona.

Non si prevede che le meccaniche di raccolta cambino nel breve periodo a causa del danneggiamento dei frutti da parte di un essere non umano. Gli agricoltori sfruttano le ore notturne e le prime ore del mattino per raccogliere i frutti. In questo modo, viene garantita una temperatura fresca ottimale per la conservazione.

Una volta raccolte, le ciliegie vengono solitamente setacciate nello stesso campo in cui sono state raccolte, separando quelle con piccole imperfezioni, che verranno comunque vendute. Una volta inviate al gruppo di cooperative, vengono selezionate per dimensione. Questo è uno dei pochi tipi di attività che hanno un aiuto artificiale per accelerare il più possibile i processi e perdere meno tempo possibile, in modo che il prodotto non perda qualità o temperatura.

La selezione per qualità, il confezionamento o la già citata calibrazione per calibro vengono effettuati con l'aiuto di un calibratore ottico dotato di un sistema di rulli che “è in grado di scartare i frutti con problemi di qualità o con diversi stadi di maturazione”, descrive Mónica Tierno.

L'intero processo logistico inizia e termina in cerchi d'acqua per evitare che la frutta si scaldi più del necessario. Una volta arrivate all'impianto di lavorazione, le ciliegie passano attraverso un sistema di idrocooler o docce di acqua fredda per evitare il processo di disidratazione e prolungare la loro durata di conservazione.

“Questa catena del freddo deve essere mantenuta in ogni momento fino alla destinazione, ed è per questo che anche la logistica verso il mercato viene effettuata con camion refrigerati”, afferma l'Agrupación de Cooperativas Valle del Jerte. La frutta trascorre un massimo di 24 ore nello stabilimento prima di essere spedita.

Questo è il tempo che il gruppo ha a disposizione per completare i processi di selezione e i controlli di qualità. Nel frattempo, è fondamentale il mantenimento delle celle frigorifere e della refrigerazione nelle aree di lavorazione, nonché la temperatura impostata in base alle esigenze del cliente nel container, nel camion o nel furgone refrigerato che porta le ciliegie a destinazione.

“Questo è importante perché una delle destinazioni principali è l'esportazione, dove il frutto può impiegare fino a tre giorni per arrivare ed è importante che rimanga intatto il più a lungo possibile”, spiega Mónica Tierno.

Una volta che la ciliegia viene commercializzata, l'imballaggio deve garantire che il frutto non venga danneggiato il più possibile, quindi di solito viene venduto sfuso in scatole di cartone di diverse dimensioni, principalmente tra 1 e 5 kg, o in piccoli contenitori di plastica o cartone che possono essere sigillati in diversi modi: termosaldati, con coperchio, a sacchetto ecc. Questi contenitori di solito contengono un peso minimo di 250 grammi e un massimo di un chilo.

La ciliegia beniamina dei trasporti

L'attenzione è così estrema che i pesi massimi della logistica e dei trasporti, come la compagnia di navigazione italo-svizzera MSC, la compagnia aerea IAG Cargo o la divisione di trasporto aereo del gigante Maersk, hanno servizi di trasporto esclusivamente dedicati alle ciliegie.

Il trasporto di questo frutto all'estero richiede non solo attrezzature specializzate, ma anche protocolli molto specifici. La principale regione esportatrice di ciliegie nel mondo è l'America Latina (soprattutto Argentina e Cile), che vende principalmente in Asia.

In termini di dati sulle esportazioni di questo prodotto dalla Spagna, i principali Paesi importatori nel 2023 sono stati Germania (8.528 tonnellate), Italia (6.975 tonnellate), Francia (5.713 tonnellate), Belgio (3.054 tonnellate) e Portogallo (2.813 tonnellate), secondo i dati del Ministero dell'Economia, del Commercio e delle Imprese.

La ciliegia è un frutto che respira. Per questo motivo, il container reefer è quasi sempre ideale per il suo trasporto, sia su camion (per la distribuzione più vicina) che su aereo e nave (per la distribuzione internazionale). Questi container sono costituiti da una struttura isolata termicamente con un'unità di refrigerazione incorporata che mantiene costante la temperatura interna facendo circolare aria fredda.

All'interno, i canali a forma di T permettono il flusso di aria fredda verso i pallet con la frutta. Quest'aria ha il compito di regolare la temperatura e, per non ostacolare questo processo, sia sulla parte superiore che alle estremità dell'interno dei container reefer sono presenti dei segni rossi che indicano l'altezza massima che il carico può raggiungere. D'altra parte, questo tipo di container è solitamente dotato di un sistema di drenaggio per rimuovere l'acqua che si può creare a causa della condensa.

In particolare, MSC raccomanda di prenotare i container refrigerati con largo anticipo rispetto alla stagione di raccolta, “data la limitata durata di conservazione delle ciliegie”. Al momento della prenotazione del container, è già necessario richiederne la configurazione (temperatura dell'aria, ventilazione, ecc.).

Idealmente, anche la zona di carico dovrebbe essere fredda per evitare problemi di condensa. Il secondo passo è la prenotazione del trasporto terrestre specializzato verso l'aeroporto o il porto marittimo. “In questo caso, l'ottimizzazione dei tempi e dei costi è fondamentale, soprattutto durante l'alta stagione”, spiega MSC a proposito del suo servizio. Ogni precauzione viene presa per garantire che il beniamino dell'industria alimentare arrivi alla tavola del cliente finale in perfette condizioni.

Fonte: El Mercantil
Immagini e video: El Mercantil


Cherry Times - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche

Formazione dei frutteti: come evitare gli errori cruciali nelle fase di messa a dimora

Difesa Gestione Rassegna Stampa

12 gen 2024

Uno dei principali problemi produttivi che si riscontrano sono gli errori nella gestione dell'impianto nei primi anni di vita, anche prima della messa a dimora, come la scarsa preparazione del terreno, la scarsa qualità delle piante e la mancata preparazione chimica del terreno.

Il breeding program della Washington State University: intervista a Per McCord

Breeding Varietà

07 nov 2023

I principali obiettivi per le nuove varietà sono la dimensione dei frutti, la durezza, la maturazione precoce, l'autofertilità e la resistenza alle malattie. Gli incroci vengono effettuati nel frutteto e sempre più spesso nella serra, che prolunga la stagione degli incroci.

In evidenza

Uno studio mostra come gli afidi vengono influenzati dai cambiamenti climatici

Difesa

17 lug 2024

Uno studio turco prevede che i cambiamenti nei valori delle temperature influenzeranno l'espansione delle aree di distribuzione delle specie invasive, la sopravvivenza durante la stagione invernale, l'aumento del numero di generazioni e la trasmissione di malattie delle piante.

La produzione di ciliegie in British Columbia: un esempio di successo canadese

Produzione

17 lug 2024

Dagli anni Novanta, la crescita dell'industria canadese si è concentrata soprattutto sulla collaborazione con i Paesi stranieri per la stipula di accordi per l'acquisto dei nostri frutti. Le ciliegie canadesi vengono esportate in oltre 20 Paesi, tra cui Giappone e Corea del Sud.

Tag Popolari